Ultime notizie
Home » ZON Magazine » ZON Movie » La parabola discendente del prodigio Maria Schneider
La parabola discendente di Maria Schneider

La parabola discendente del prodigio Maria Schneider

La parabola discendente di Maria Schneider, giovanissimo prodigio, ma allo stesso tempo sfortunata e probabilmente maltrattata attrice, è una pagina amara del nostro cinema. #AccadeOggi

La parabola discendente di Maria SchneiderMaria Schneider (Parigi, 27 marzo 1952 – Parigi, 3 febbraio 2011), figlia non riconosciuta dell’attore Daniel Gélin e della modella Marie Christine Schneider, è stata un’attrice prodigio, rivelando un incredibile talento, pur senza aver mai preso lezioni di recitazione.

A 17 anni, a due anni dal debutto in teatro a soli 15 anni, approda al cinema come protagonista di L’arbre de Noël” di Terence Young, poi recita accanto a Alain Delon in Madly.

La parabola discendente di Maria SchneiderLa sua fama cresce in fretta e a 20 anni raggiunge l’apice con un ruolo che nel bene e nel male le cambierà la vita: nel 1972 Bernardo Bertolucci, infatti, la scrittura insieme a Marlon Brando per Ultimo tango a Parigi, che la catapulta suo malgrado nell’immaginario collettivo per la scena incriminata, tra le lacrime e l’umiliazione di esserne ignara, del burro e della sodomia.

“Santa famiglia, sacrario dei buoni cittadini, dove i bambini sono torturati finché non dicono la prima bugia, la volontà è spezzata dalla repressione, la libertà è assassinata dall’egoismo”.

La parabola discendente di Maria SchneiderBertolucci, rivelatosi un manipolatore misogino, proietta su un’ancora giovanissima Maria Schneider un’immagine difficile da gestire, di cui non riuscirà a liberarsi nel corso della carriera e che la farà soffrire.

Nel 1975 è ancora sull’onda del successo, nonostante il dramma personale serbato negli ann: Michelangelo Antonioni le propone di interpretare la misteriosa amante di Jack Nicholson in Professione: reporter.

L’anno dopo, durante le riprese di Io, Caligola di Tinto Brass, rifiuta di girare le scene di nudo: La parabola discendente di Maria Schneideril licenziamento le provoca un esaurimento nervoso, per il quale verrà ricoverata in una clinica psichiatrica a Roma.

Nel 1980 la sua migliore performance nei panni della giovane e perduta Maloup, in La derobade – Vita e rabbia di una prostituta parigina di Daniel Duval. Poi però la fama inizia a scemare, così come la sua carriera cinematografica.

Nel 2011 a 58 anni e a distanza di tre anni dall’ultima apparizione al cinema in Cliente di Josiane Balasko, muore di cancro.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Rossella Della Vecchia

Rossella Della Vecchia
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).

Check Also

Pretty Little Liars

Pretty Little Liars, Game Over: la fine di un’era

Pretty Little Liars: Dopo 7 stagioni, ieri sera si è concluso lo show di Marlene …