Ultime notizie
Home » ZON Magazine » Writer ZON

Writer ZON

La perduta essenza della fotografia, la non poesia dell'era social

La perduta essenza della fotografia, la non poesia dell’era social

Tutti fotografano tutto e inevitabilmente … si auto-immortalano. E così la coatta condivisione social che ne consegue sta uccidendo la poesia della fotografia, la sua stessa essenza La perduta aura della fotografia, in mezzo al nuovo gap sociale dei dilettanti dell’obiettivo – tra chi vanta presunte abilità tecnico-artistiche, e chi attribuisce tutto il merito alla costosa tecnologia dell’ultima reflex – è …

Continua a leggere »

Fenomenologia di Dries Mertens

Dries Mertens e la sua fenomenologia Come fenomenologia era stata, nel lontano 1961, quella di Mike Bongiorno scritta dall’inarrivabile Umberto Eco. Con l’unica, sostanziale differenza però, che del presentatore che furoreggiava sugli schermi televisivi, si esaltava la mediocrità, a tal punto che “egli rappresenta – chiosava Eco –  un ideale che nessuno deve sforzarsi di raggiungere perché chiunque si trova già al …

Continua a leggere »
imperatori

Gli imperatori di Montanelli, apogeo e caduta

Gli imperatori romani di Indro Montanelli raccontati nella Storia d’Italia, vol.III,  toccano l’acme del potere imperiale per poi sprofondare nei miasmi dell’irrilevanza storica E si parte, dopo una breve parentesi sulla città di Pompei e su Gesù e il cristianesimo, con la prima dinastia illustre, quella de I Flavi (30 a. C.-96 d. C.). Vespasiano, allora, si staglia all’orizzonte con la sua concretezza di …

Continua a leggere »
A me mancano i matti

A me mancano i matti, quelli che all’inferno sono già sopravvissuti

I matti, per definizione, sono dominati da impulsi irrazionali, da manie inconsuete ed eccessive, capaci di suscitare ilarità più che apprensione, compatimento piuttosto che avversione: sono tutti coloro che non comprendiamo A me mancano i matti. Gli agguati, le manie, i momenti di profonda lucidità: mi manca il loro estro, la loro innocente arguzia e la loro spontaneità. Si racconta che …

Continua a leggere »
le dita del comandante

Anteprima de “Le dita del Comandante” di Vincenzo Benvenuto

Eccolo qui, Le dita del Comandante Un prologo, cinquantuno capitoli e l’epilogo. Diciamo subito una cosa, tanto per iniziare: Le dita del Comandante, anche come prodotto editoriale, è davvero di buona fattura. Ci capita, come redazione giornalistica, di ricevere un certo numero di libri windows10explainedda recensire. Ebbene, nella maggior parte dei casi, si tratta mwindowsproductkey.com dallo scrittore. Appuntamento alla prossima …

Continua a leggere »
donnavventura

Donnavventura in attesa di Poirot su rete 4

Ogni sabato pomeriggio, in attesa di Poirot su rete 4 (canale che per me esiste solo per lo sceneggiato ispirato ai racconti di Agatha Christie), mi sorbisco gli ultimi strascichi di Donnavventura No, ja, così sa troppo di matusa intellettualoide. Rettifico: rete 4, “che per me esiste solo per Poirot e per i film di Bud Spencer e Terence Hill.” Ecco, …

Continua a leggere »
Il Sud

Ad esempio a me piace il Sud

Il Sud fa paura, in ogni senso e direzione. Eppure io dal Sud non me ne vado, ci resto Ad esempio a me piace il sud. Una delle più belle canzoni di Rino Gaetano. Un ritratto perfetto del sud, delle sue virtù e delle sue debolezze. Il meridione è sempre stato il figlio non voluto, quello “scemo”, ma anche quello …

Continua a leggere »
lingua

Una lingua si aggira per le strade dell’Occidente

Slurp, gnam, yum, crunch, slap, chomp. È la lingua, signori Beninteso, per essa si vuole qui alludere a ogni singolo muscolo, organo o affine comunque utilizzato per mangiare, sorbire, gustare, succhiare, sgranocchiare, etc.. La lingua: il vero e, a questo punto, unico fantasma rimasto ad aggirarsi per le strade dell’Occidente. Come dite? Esagero? Alzate lo sguardo dal display, allora, e guardatevi …

Continua a leggere »
libro

Ogni libro è un atto d’amore spesso non corrisposto

Chi va a letto con un libro, non dormirà mai da solo Chiunque dica che abbiamo una sola vita per vivere non ha ancora imparato a leggere un libro. Anche se non leggete, state vicino a chi lo fa. Che al contrario del fumo, la lettura passiva fa benissimo. Ho sempre amato chi legge, chi si confronta con un mondo …

Continua a leggere »
punto e virgola

Punto e virgola: ipotesi di un delitto

Stamattina sono stato al funerale del punto e virgola In chiesa, in primissima fila, c’era un impettito punto all’apparenza contrito per la morte del collega. Il pronome relativo però, sempre voglioso di spiegare qualcosa anche quando la decenza suggerirebbe di no, ha spifferato all’avverbio, che prontamente si è confidato con l’accento il quale: “E’ proprio così, ti dico: – si è fatto …

Continua a leggere »