Ultime notizie
Home » ZON Magazine » Writer ZON (page 3)

Writer ZON

Puttana, Salerno (storia di una perdizione)!

C’era una volta la fatina Salerno, pulzella vereconda e pudica, che venne in sposa a un contadinello Salerno, come kimberlite che ha in nuce il diamante, era di una bellezza ascosa che appariva solo agli occhi innamorati del suo uomo. Attraverso il mare e fin sulle colline irrorate dal sole, venne il male che si portò via l’amore di una vita. …

Continua a leggere »
rebus

Il caffè, lo specchio, la barca: ah, che rebus!

La canzone Rebus (1979) di Paolo Conte dura poco più di due minuti. Velocità silenziosa ed esaustiva. Una pennellata d’autore che sopra un letto di pianoforte e riflessioni, insegue il senso della visione. La sfida è di quelle che l’avvocato appassionato di enigmistica, tra uno sberleffo compiaciuto e un bemolle sornione, è certo di poter vincere: il rebus, uno dei …

Continua a leggere »
referendum

Il NO del Referendum e il Mille e non più Mille

Sia chiaro: al Referendum costituzionale del quattro dicembre, voterò e farò votare, per quel rimasuglio di ascendente che ancora ho su qualche familiare-amico troppo pigro per formarsi un’opinione, No Voterò No perché ritengo la riforma introdotta dal Governo (e già solo questo particolare, “introdotta dal Governo”, per l’appunto, e non su iniziativa del Parlamento, mi persuaderebbe a votare così) pasticciata, farraginosa …

Continua a leggere »

Il pianoforte della prozia che mi salvò dal terremoto

L’ultima volta che ho visto il pianoforte della prozia, è stato l’anno scorso, in occasione del trasferimento a Norcia. Ora sta confinato nel sottotetto, in compagnia del ciarpame reietto di cui nemmeno l’inafferrabile topo Lupin riesce a sbarazzarsi definitivamente. E’ bruttissimo il pianoforte della prozia. Nero come una maledizione, vecchio come il respiro del mondo, squinternato alla maniera del cervello dell’antenata …

Continua a leggere »
La camorra e le sue storie, Gigi Di Fiore, UTET 2016

La camorra e le sue storie, Gigi Di Fiore, UTET 2016

Ieri sera, alla libreria Feltrinelli di Salerno, per iniziativa dei Meridionalisti Democratici, è stato presentato il libro del giornalista e saggista Gigi Di Fiore, La camorra e le sue storie, UTET, 2016 A moderare l’incontro, l’avvocato nonché responsabile provinciale dei Meridionalisti Democratici di Salerno, Guglielmo Grieco, che ha avuto l’indiscusso merito di allestire un parterre di vero spessore e di …

Continua a leggere »
Asperger

Asperger, la delicatezza di Ninetta Pierangeli racconta la malattia con ironia

Il romanzo di Ninetta Pierangeli, “Asperger”, racconta con  delicatezza ed ironia le vicende umane di pazienti di una Asl all’avanguardia di Roma. Umanità, ma anche ironia e gergo romanesco gli elementi principali Asperger non è solo il nome di una patologia imparentata con l’autismo, ma il titolo del romanzo di Ninetta Pierangeli, la cui scelta è motivata soltanto alla fine. La …

Continua a leggere »

“La giostra degli scambi”, di Andrea Camilleri, Sellerio 2015

Leggere il Montalbano di Camilleri, magari uno degli ultimi come in questo caso, ha il sapore del ritorno a casa. E sì perché, dopo un più o meno lungo viaggio tra le pagine di altri libri, dopo essere stati catafottuti in anfratti claustrofobici o, di converso, in esangui pozze di impressioni e suggestioni altre, l’approdo (l’ennesimo) a Vigata, sullo scoglio chiatto proprio sotto …

Continua a leggere »
mauro biglino

Mauro Biglino, Il Falso Testamento: « il patto inesistente »

Il saggista e traduttore Mauro Biglino torna con un nuovo sorprendente volume, Il Falso Testamento (Mondadori), dove continua il suo rivoluzionario studio sulla Bibbia. Intervista con l’autore Mauro Biglino, traduttore di ebraico biblico e greco antico, è diventato in questi ultimi anni uno scrittore molto apprezzato, imponendosi al grande pubblico con successi editoriali, come Non c’è creazione nella Bibbia e …

Continua a leggere »

Odiosi Viceré di De Roberto, eppure già mi mancate!

I Viceré? “Un’opera pesante, che non illumina l’intelletto come non fa mai battere il cuore.” La causa. Federico De Roberto? La sua scomparsa, a poco più di sessantasei anni, passò per lungo tempo quasi inosservata nell’ambiente culturale nazionale. E quest’ultimo, automatico come gli interessi della cartella esattoriale, è l’immancabile effetto. Ora, mi domando e dico: come poteva essere diversamente se …

Continua a leggere »

Facebook e l’incubo del caschetto biondo

Dopo il suicidio della povera Tiziana Cantone, tutti gli italiani, a partire da quelli appena capaci di accordare una pariglia di sostantivi a una decina d’indicativi, hanno risposto alla chiamata di Facebook. E allora, da un popolo di commissari tecnici, eccoci tramutati tutti, con le nostre tavole della legge a tracolla, a soloni della privacy, a censori del così ci …

Continua a leggere »