Ultime notizie
Home » ZON Magazine » Writer ZON » Che caldo … il lamento e il tormento senza scampo
Che caldo

Che caldo … il lamento e il tormento senza scampo

<Che caldo !> <Non ho dormito !> <Non si può lavorare !>

Sfido chiunque in questi giorni di canicola africana, dal Manzanarre al Reno, dalle Colonne d’Ercole al deserto del Gibuti, a sentire qualche esclamazione diversa dal <Che caldo !>, etc., etc.

Si lamenta il DirettoreMegagalattico nel brevissimo saltello dalla Porsche Cayenne ipercondizionata all’androne del Ministero refrigerato dagli orsi polari (convocati lì, per l’occasione, dal Mago del Gelo… quello dei Polaretti, sì, proprio lui in persona.)

Che caldoSi lamenta Don Vitalizio, politico di lungo corso e di panza presidenziale, che proprio non ce la fa a fuoriuscire dall’ombra hawaiana per catafottersi in piscina.

 

<Che caldo!> si lamenta pure Neymar nel tempo speso per calzare gli scarpini del Paris Saint Germain mentre ancora si chiede se i suoi cinquecento milioni siano la stessa cifra di tutti i bambini delle favelas del mondo.

Eppoi, certo, c’è il rampollo Elkann che (giura e spergiura l’inviato di Chi) proprio non riesce a dormire assillato com’è dal ferale dubbio: è più caldo (ancora caldo!) il ventre di Samantha o quello sui generis di Mandingo?

Ma si sa, il lamento è un diritto che spetta a tutti. E’ come il biglietto gratis ai consiglieri comunali per la partita della Salernitana: se non ce l’hai, non conti un cazzo.

E quindi, eccola, la folla biblica del “Che caldo”, inframmezzato dal “Non ho dormito (per il caldo)” corretto, per l’occasione, da una spruzzata di “Non si può lavorare (dal caldo)”. Certo, si è sentito per un attimo penalizzato Gigino ‘a Controra che, nomen est omen, nessun occhio umano l’ha mai visto lavorare nemmeno per un minuto:<E che sfaccimma, – si dice abbia protestato dopo una bestemmia di quelle che farebbero arrossire uno scaricatore di porto – tutti possono lamentarsi delle tre cose, solo io sono escluso dall’ultima (“non si può lavorare”)? E questa è ‘na nfamità vera e propria!>

Infine, c’è Aisin.

Dopo una laurea immolata sull’altare della famiglia lì, in Tunisia, benedice il caldo a picco del suo solco di pomodori, che ancora gli consentirà di guadagnare dieci euro per dodici ore di fatica.

 

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Vincenzo Benvenuto

Avvocato e scrittore ("Tra le pieghe di un sorriso", 2010; "Le dita del Comandante", 2017). Ideatore e curatore del blog: deambulandosolvitur.blogspot.it Collaboratore ZON da settembre 2014.

Check Also

La fine di Agosto porta con sé i controlli stradali sulla velocità

La fine di Agosto porta con sé i controlli stradali sulla velocità

Dal 21 al 27 agosto sono previsti controlli stradali speciali sulla velocità degli automobilisti sull’A1 …