Ultime notizie
Home » ZON Magazine » ZON Movie » Christopher Walken, l’antidivo di Hollywood compie 74 anni

Christopher Walken, l’antidivo di Hollywood compie 74 anni

Christopher Walken, attore di culto e feticcio di Cimino e Abel Ferrara, noto per le sue interpretazioni eccentriche e di personaggi instabili, compie 74 anni #AccadeOggi

Christopher Walken, all’anagrafe Ronald Walken (New York, 31 marzo 1943), è nell’immaginario collettivo l’eccentrico per eccellenza, l’antidivo di Hollywood.

Christopher Walken, l'antidivo che oggi compie 74 anniHa il fascino enigmatico e maledetto da attore tormentato, segnato da un volto ispido e a tratti ambiguo, e dall’eterocromia del suo sguardo glaciale e perduto: ma nella realtà non è niente di tutto ciò.

Il suo debutto cinematografico è legato al film di Robert Frank Me and My brother del 1969, ma il primo successo, che lo fa emergere realmente dall’anonimato, arriva con Io & Annie di Woody Allen, interpretando il fratello con manie suicide di Diane Keaton.

La consacrazione arriva poi con l’Oscar come miglior attore non protagonista per Il cacciatore di Cimino. La guerra nel Vietnam mutila i suoi soldati nel corpo e nello spirito: nei panni di Nick, Christopher Walken decide di rimanere nell’inferno di Saigon, e nelle sue bettole rischia ogni sera la sua vita alla roulette russa. Una pallottola sola in canna, ogni volta un avversario diverso, finché arriva l’inevitabile incontro con il destino, sotto gli occhi inorriditi di Mike (Robert De Niro). Cimino poi lo rivuole per I cancelli del cielo.

Christopher Walken, l'antidivo che oggi compie 74 anniLa misteriosa morte di Natalie Wood, con la quale Christopher Walken stava girando Brainstorm – Generazione elettronica di Douglas Trumbull, e la sua stessa presenza sullo yacht della vittima nella notte del 28 novembre 1981, su cui la polizia non riuscì mai a fare chiarezza, alimentò intorno a lui l’alone di attore maledetto.

David Cronenberg ovviamente ne fu terribilmente attratto, scritturandolo per il tormentato sensitivo de La zona mortafilm tratto dall’omonimo romanzo di Stephen King.

Christopher Walken, l'antidivo che oggi compie 74 anniWalken sarà poi Max Schreck in Batman – Il ritorno di Tim Burton, per il quale reciterà ancora nel 1999 nel ruolo del Cavaliere senza testa ne Il mistero di Sleepy Hollow.

Ma il fulcro della sua carriera rimane il sodalizio cinematografico e personale con Abel Ferrara, che su di lui ha costruito una serie Christopher Walken, l'antidivo che oggi compie 74 anniiconica di bad man, dal boss squilibrato in King of New York, al vampiro di The Addiction – Vampiri a New York, fino al gangster di Fratelli.

Gli anni Novanta segnano la sua piena maturità artistica, consacrata anche da Quentin Tarantino, che gli affida un lungo monologo in Pulp Fiction.

Christopher Walken, l'antidivo di Hollywood compie 74 anniNel 2001 ritorna alle origini con la danza  – parte integrante dei suoi studi giovanili – nel video “Weapon of Choice” di Fatboy Slim, diretto da Spike Jonze: qui ipnotizza per le sue inaspettate doti di ballerino, sconvolgendo il suo pubblico in ruolo totalmente inedito.

L’approccio a personaggi borderline rimane una costante, come nei più recenti Dark Horse (2011) di Todd Solondz, 7 psicopatici (2012) di Martin McDonagh e Uomini di parola (2013) di Fischer Stevens con Al Pacino e Alan Arkin.

Criminale e perverso sullo schermo, nella vita abbandona il suo inquietante ghigno, mostrandosi all’opposto di quell’immagine che ne ha il pubblico: sposato da 49 anni con la stessa donna, Georgianna, conosciuta nel 1969 sul set di Me and My brother, alla mondanità preferisce la tranquillità e l’idillio della campagna: «Quando non lavoro mi piace starmene a casa tranquillo: vivo in un bel posto, mi godo il panorama».

Insomma nessuna ambizione, nessuno statement hollywoodiano, solo il sogno recondito di un ruolo diverso: interpretare per una volta una persona normale «un padre, con una moglie, dei bambini, magari anche dei cani. Il fatto è che per cose del genere non mi chiama mai nessuno».

Un uomo semplice, che vive il suo essere un attore non da star, ma come un lavoro devozionale e forse un po’ fortuito:

«Passare dall’altra parte della macchina da presa? No, non ci ho mai pensato. La regia richiede un grande impegno, devi saper fare un mucchio di cose e soprattutto devi saper spiegare i ruoli agli attori, quindi i sentimenti, le emozioni. Non è roba per me, io non riesco a spiegare niente neanche a me stesso, figuriamoci un po’ agli altri».

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Rossella Della Vecchia

Rossella Della Vecchia
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).

Check Also

Elezioni amministrative

Elezioni amministrative 2017: il Pd e l’ostentazione della vittoria

Le elezioni amministrative mostrano il vero sconfitto della cometizione: il Pd. Il partito di Renzi, …