Fenomenologia di Dries Mertens

Dries Mertens e la sua fenomenologia

project adv

Come fenomenologia era stata, nel lontano 1961, quella di Mike Bongiorno scritta dall’inarrivabile Umberto Eco. Con l’unica, sostanziale differenza però, che del presentatore che furoreggiava sugli schermi televisivi, si esaltava la mediocrità, a tal punto che “egli rappresenta – chiosava Eco –  un ideale che nessuno deve sforzarsi di raggiungere perché chiunque si trova già al suo livello.”

La fenomenologia di Mertens, invece, è di tutt’altro genere e può essere racchiusa nel secondo goal del Napoli contro la Juventus, nel precedente turno di Coppa Italia.

Siamo al 60° minuto. Dries Mertens entra al posto di un Arkadiusz Milik da ritrovare.

Napoli contro Juve, una squadra di calcio contro un’altra sì, ma anche i Borboni contro i Sabaudi, Masaniello contro Camillo Benso Conte di Cavour, la catena di montaggio contro l’amministratore delegato, l’espediente contro il rigore (nella doppia accezione di intransigenza e di penalty spesso concesso ai bianconeri), l’insurrezione contro il potere.

Dries Mertens, dicevamo.

Entra in una qualificazione praticamente impossibile da riagguantare per il Napoli. Il risultato della partita di ritorno infatti, unito a quanto successo all’andata, è traditore come solo sa esserlo il comportamento di chi fino a ieri era il tuo Mosè pronto a liberarti dalla schiavitù e che invece oggi, proprio lui, ha deciso di abbandonarti alle stesse piaghe d’Egitto prima inflitte ai nemici.

Ma eccolo, Dries Mertens.

Il tempo di varcare la linea del fallo laterale oltre il quale c’è finalmente la partita, la trepidazione di un popolo esagerato in ogni esternazione, che il folletto belga si fionda verso l’area avversaria.

Il difensore juventino passa la palla al suo portiere. Nel novantanove per cento dei casi, quel pallone sarò stoppato dall’estremo difensore e rinviato alla bell’e meglio senza conseguenza alcuna.

Nelle scuole di calcio, insegnano all’attaccante sì di pressare il portiere, ma anche di farlo con la convinzione che il suo pressing potrà solo innervosire l’estremo difensore e quindi, magari, fargli sbagliare il rinvio.

Nulla più di questo.

E invece…Mertens si butta su quel pallone necessariamente innocuo. Mentre corre c’è in lui, che napoletano non è, la fame atavica di Totò nell’agguantare gli spaghetti di Miseria e Nobiltà, il furore cieco del pazzariello de L’Oro di Napoli che ha finalmente saputo della malattia di Don Carmine, il boss del Rione Sanità, la dignità degli scugnizzi Pasquale e Giuseppe nel lustrare le scarpe ai signori di Sciuscià.

Mertens sfida la logica e la logica, per una volta sola, si va a prendere un caffè al Gambrinus.

Neto, il portiere della Juventus, vorrebbe stoppare il pallone passatogli dal compagno di squadra ma se lo fa scivolare oltre. E in quell’oltre lontano dal concetto di appartenenza e molto vicino, invece, a quello di conquista, si è appostato Dries Mertens, epigono del popolo cencioso che rovescia finalmente il tiranno.

Manco il tempo di esultare per la rete appena segnata che il calciatore riporta, instancabile come se ancora ci fosse qualche possibilità di superare il turno, il pallone a centrocampo.

La logica del potere però, rientra. C’ha ancora in bocca il gusto vellutato del caffè.

Estasiata per il retrogusto avvolgente, concede un altro poco di ammuina al Napoli; poi, ritorna in sé e decide di rimettere le cose al proprio posto.

La partita la vince il Napoli, ma la qualificazione è della Juventus.

Mertens esce tra gli applausi di un universo, quello napoletano, che sa accontentarsi anche del sogno. In attesa, ovviamente, del prossimo miracolo, di un altro Diego Armando Maradona che lo liberi da ogni male.

Amen.

Video del giorno