Finanziamenti, ad Ottobre 2016, record di richieste

finanziamenti

Ad Ottobre 2016, è stato registrato il record delle richieste di finanziamenti, specialmente nel settore dei prestiti personali e di quelli finalizzati

project adv

Finanziamenti ed economia. Il settore dei mutui prosegue la fase di ripresa ma rallenta la sua lunga corsa. Ciò lascia ancora più spazio all’ottimo risultato che invece è stato raggiunto dal settore dei prestiti personali e di quelli finalizzati. A trascinare il settore sono, però, soprattutto quelli personali, grazie anche ad un ampio accesso ad alcune forme come le cessioni del quinto e i prestiti di consolidamento.

In particolare secondo il Barometro di Crif, il mese di Ottobre scorso ha messo a segno un nuovo record, con un aumento delle “ricerche” sui prestiti ulteriormente cresciute del 6,5%.

Gli interessati hanno, infatti, aumentato l’uso di siti specializzati, come nel caso della cessione del quinto EspertoPrestiti o su siti simili, per scovare le condizioni più vantaggiose. Più nel dettaglio a primeggiare sono soprattutto i finanziamenti non finalizzati. Quelli finalizzati rimangono positivi, con una crescita che raggiunge quasi i quattro punti e mezzo percentuali, mentre quelli personali arrivano quasi a toccare i 10 punti percentuali.

Altro dato interessante è quello che fa riferimento all’importo medio che è stato richiesto, in crescita, trasmettendo una complessiva ripresa della fiducia dei consumatori. Un anno fa (ottobre 2015) l’importo medio richiesto era di circa 8 mila euro, mentre ad Ottobre 2016 è salito di oltre 350 euro, arrivando a 8335 euro. Se si considerano i prestiti finalizzati separatamente da quelli personali si nota un calo dei primi, che scendono a poco più di 5320 euro, mentre aumentano quelli personali che superano i 12660 euro.

Se invece si considerano le fasce di importo maggiormente richieste, ancora vince quella di importi fino a 5 mila euro, che guadagna quasi la metà del totale per il prestito personale  ed oltre 65% per quelli finalizzati. Come durata continua ad essere la più gettonata quella al di sopra dei 5 anni, mentre si riduce l’apprezzamento per le durate inferiori ad un anno.

Infine, il Barometro di Crif ha analizzato anche le fasce di età dei richiedenti: quella più attiva nella ricerca e nella richiesta dei prestiti è la fascia che va dai 45 ai 55 anni di età, seguita da quella immediatamente prima, ovvero tra i 35 e i 44 anni di età.

Video del giorno