Ultime notizie
Home » ZON Magazine » ZON Movie » Ghost in the Shell, conservare l’anima per restare umani

Ghost in the Shell, conservare l’anima per restare umani

Ghost in the Shell, il nuovo film di Rupert Senders con Scarlett Johansson, mostra le conseguenze dell’incontrollata ondata tecnologica in un futuro prossimo

Adattamento live action dell’omonimo manga del 1989 di Masamune Shirow, Ghost in the Shell di Rupert Sanders è uno sci-fi ambientato in un futuro imprecisato ma che oramai ci sembra così vicino da poterne percepire la presenza, con la tecnologia che divora a mano a mano ogni aspetto del vivere umano. Il ritmo della pellicola è abbastanza sostenuto grazie a scene di lotta godibili, a pause dedicate ai dialoghi e alle svolte di trama, il tutto perfettamente amalgamato.

Siamo di fronte ad un’umanità che brama per sé la tecnologia, diventata così intrusiva nella vita di ognuno da essere in grado addirittura di sostituire parti del corpo umano, potenziare alcune facoltà come la memoria e le capacità di comprensione. L’uomo, nella sua smania deviata di progresso e nell’insoddisfazione per la propria natura imperfetta, si lascia colpire dall’onda tecnologica, ma non riesce comunque a fare a meno di dare ascolto a quella voce interiore che grida di non rinunciare alla propria umanità.

La trama

La Hanka Robotics, guidata da Cutter (Peter Ferdinando), gestisce un’organizzazione antiterrorismo cibernetico, la Sezione 9, capitanata dal Maggiore Mira Killian (Scarlett Johansson), un soggetto che, a seguito di un incidente, ha ricevuto un corpo interamente artificiale, riuscendo però a conservare il ghost, ovvero la sua anima. La Hanka Robotics dà il compito alla Sezione 9 di eliminare Kuze (Michael Pitt), un malvagio cyberterrorista. Sarà proprio Kuze, in qualche modo, a sollecitare la parte ancora umana della protagonista, la quale avrà a fare con vecchi e confusi ricordi di un passato da ricostruire.

La trama di Ghost in the Shell  è abbastanza semplice e lineare e purtroppo, per colpa di trailer troppo rivelatori, pure conosciuta in alcune parti che forse sarebbe stato meglio tenere celate per usarle come punti di svolta della storia, di modo da impegnare un po’ di più il pubblico.

Le atmosfere cupe e le ambientazioni della città futuristica in cui si svolge l’azione, con questi enormi pannelli virtuali pubblicitari in 3D, ricordano in qualche modo quelle di The Zero Theorem ma, a differenza di questo, sono qui troppo eteree e restano intangibili. Rimangono sconosciute le condizioni di vita di una società certo degradata a livello morale. Insomma, i personaggi agiscono in un ambiente che non comunica ma fa da semplice palcoscenico per le mirabolanti azioni del Maggiore Killian.

Il cast

Lode a Scarlett Johansson, autrice di un’ottima prova che ha senz’altro alzato il livello della pellicola. La bella attrice statunitense riesce ad essere intensa ed espressiva quando deve far emergere il lato umano, mentre risulta fredda e priva di emozioni quando è il suo io robotico ad essere coinvolto. I personaggi che ruotano attorno a lei, compreso il villain, risultano però abbastanza inconsistenti, a parte Batou, interpretato da un ottimo Pilou Asbaek, che invece riesce ad assumere una propria tridimensionalità.

In sostanza, Ghost in the Shell è un film godibile seppure, viste le implicazioni sociali che il tema dell’invasione tecnologica comporta, abbastanza superficiale e non approfondito in certi aspetti. Risulta evidente il poco coraggio avuto da Sanders, troppo conscio del pericolo di intaccare un prodotto già solido, nell’affrontare certi temi, tenendosi dunque sul vago e facendo di Ghost in the Shell un classico, e buono, sci-fi d’azione che non ha intenzione di scontentare nessuno.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Cristian Ferraro

Cristian Ferraro
Dottore in Archeologia e storia dell'Arte, appassionato del mondo antico e dell'arte in genere, con una forte predilezione per il cinema e per tutto ciò che di bello gli appartiene.

Check Also

King Arthur

King Arthur – Il potere della spada, tra storia e leggenda

Guy Ritchie con King Arthur ridisegna la figura leggendaria di Artù, misero uomo inconsapevole del …