Italia-UE: i 60 anni dei Trattati di Roma

trattati di roma

Eventi celebrativi e opinioni discordanti per i 60 anni dei Trattati di Roma

project adv

Attese e grandi eventi per i sessant’anni, che si celebreranno il 25 marzo prossimo, dalla firma dei Trattati di Roma, due importanti accordi siglati nella capitale italiana che segnano lo sviluppo dell’Unione europea così come la conosciamo oggi.

Manifesto del 1957 che celebra il trattato di Roma, con il tandem dei sei paesi firmatari.

Il 25 marzo del 1957  fu firmato il  trattato che istituisce la Comunità economica europea (TCEE), insieme al trattato che istituisce la Comunità europea dell’energia atomica (TCEEA). L’uno e l’altro  entrarono in vigore il 1 gennaio del 1958 e furono sottoscritti dai rappresentanti dei sei paesi fondatori: Italia, Francia, Germania Ovest, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo.

Da quel 25 marzo di sessant’anni fa molti passi sono stati compiuti dai singoli governi europei per costruire un percorso comune a tutte le nazioni che condividono la stessa storia e le medesime radici culturali.

Numerosi sono stati i singoli passaggi che ne hanno permesso la realizzazione, da Schengen, Maastricht e Lisbona, per nominare le tappe più importanti.

Ma il quadro politico internazionale, costituito dai singoli governi, è profondamente mutato e ad un’ala governativa e lealista alle politiche comunitarie, rappresentata dai governi italiano e tedesco, si contrappone un’ala di tendenze conservatrici e fortemente nazionalistiche, costituite dalle opposizioni in Francia e in Italia, senza contare il peso sugli equilibri geopolitici  della politica difensiva e diffidente alle larghe intese di Donald Trump.

La spinta all’innovazione

Nonostante i malumori e i propositi di ritorno a politiche nazionalistiche, prosegue la spinta ad innovare e a rivedere il disegno europeo alla luce dell’allarme terrorismo e dei nuovi progetti politici, come spiega Sandro Gozi, Sottosegretario alle Politiche e agli Affari europei -“Questa ricorrenza deve rappresentare non solo un momento di celebrazione, ma soprattutto un’opportunità per rilanciare il processo politico europeo. Dobbiamo promuovere un nuovo impegno per una migliore Unione coinvolgendo tutti i Paesi che condividono l’esigenza di salvaguardare e rilanciare il progetto europeo. È un messaggio che dobbiamo rivolgere soprattutto ai giovani per ridare loro la speranza nell’avvenire”.

Saranno molte le iniziative per celebrare questi sessant’anni dei Trattati di Roma.

Dal 20-24 marzo 2017, appuntamento con #MaratonaEuropa -Roma, Università la Sapienza, Dipartimento di Scienze Politiche. Serie di incontri dedicati al tema dell’Europa: seminari, presentazioni di libri, tavole rotonde, proiezioni che vedranno coinvolti i docenti e gli studiosi del Dipartimento, oltre a relatori esterni, per affrontare il tema dell’Europa da diverse prospettive. (Università La Sapienza – Dipartimento di Scienze Politiche).

Infine, a chiudere il ricco programma di eventi, il 25 marzo a Roma (Campidoglio, Palazzo dei Conservatori) celebrazioni per i 60 anni dei Trattati di Roma, alla presenza delle autorità italiane ed europee. (Governo italiano).

Ulteriori date ed eventi  al link: http://www.politicheeuropee. it/comunicazione/19624/roma2017

Video del giorno