“Smile on your face”. Una serenata light targata “La Maschera”

la maschera

La band napoletana “La Maschera” stupisce con un brano ricco di contaminazioni dal testo anglo-napoletano all’arrangiamento

project adv

La “lingua” napoletana e quella inglese che si intrecciano indissolubilmente in un testo gioioso, ilare e spensierato. Una serenata “light” da cantare in una giornata di primavera sotto un albero infiorato. Con una chitarra, una tovaglia quadrettata da pic-nic e la brezza che soffia tra i capelli. E magari in sottofondo una pioggerellina soffice. Questo è ciò che contraddistingue “Smile on your face”, unla mascherao dei brani più squisitamente rappresentativi della band napoletanaLa Maschera“.

“Smile on your face” è la sesta traccia del primo, e fin ora unico, progetto discografico del gruppo, dal titolo “‘O vicolo ‘e l’alleria” pubblicato su etichetta “Full Heads”. Una dedica spontanea ad una ragazza che si muove tra arrangiamenti ispirati a vari generi. Tra i tanti spiccano un bel pò di reggae, un pizzico di jazz ed altrettanto charleston. Il miscuglio finale sa di fresco, leggero, o addirittura”toystoriano“.

“T’ ‘a sto’ pure sunann’ e mò che vuò?”

Il centro di tutto è quello “smile” per il quale Roberto Colella ,frontman, autore ed arrangiatore del gruppo, farebbe pazzie. Uno “smile” che rimbambisce e fa perdere la testa:

Pe’ chistu smile on your face che dess’
Me metto paura sulamente a ce penzà!
Cu’ chistu smile on your face me faje fesso
e nun và!

Un’atmosfera onirica che nemmeno la pioggia, allegoria delle difficoltà della vita, riesce ad intristire. Perchè, in fondo, “everything’s gonna be alright”  anche se “‘a pioggia c’è venut’ a truvà”.

Questo piccolo capolavoro  de “La Maschera” va ascoltato ad occhi chiusi, in modo tale da lasciarsi trasportare nel flusso di sensazioni. Ed è proprio così che il sottoscritto la riascolterà (per la milionesima volta).

Buon ascolto, allora!

Testo

Smile on your face
what a wonderful place
la situazione che più mi va
Grass under feet
and in a cup some coffee
ma ’na sola sigaretta ’a ce smezzà

Children are playing
“Supersantos” in the air,
spustammece nu poco cchiù llà!
I sing you a song
that I wrote all alone,
t’ ’a sto’ pure sunann’ e mò che vuò?

Pe’ chistu smile on your face che dess’
Me metto paura sulamente a ce penzà!
Cu’ chistu smile on your face me faje fesso
e nun và!

Tears down your eyes 
I don’t understand why
’a pioggia c’è venut’ a truvà
oh no, no woman no cry
ma tu over’ faje?
everything’s gonna be alright

Pe’ chistu smile on your face che dess’
Me metto paura sulamente a ce penzà!
Cu’ chistu smile on your face me faje fesso
e te ne vai!

Smile on your face
what a wonderful place
nun saccio cchiù che m’aggia ’nventà
e mò che ha schiuvuto
je sto’ tutto ’nfuso
a casa ’e corza voglio turnà!

Video del giorno