Milan, Maldini detta le sue condizioni

Paolo Maldini fa il punto della situazione e rivela le condizioni per il ritorno al Milan: “Amo questo club e posso aiutarlo ma solo ascoltando il mio cuore e la mia testa”

project adv

Paolo Maldini parla e fa il punto della situazione sulla trattativa con la proprietà cinese che vorrebbe riportarlo a casa. Il giorno dopo l’incontro con Marco Fassone l’ex capitano rossonero, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha rivelato quali sono i principali ostacoli da superare affinché il suo ritorno al Milan diventi realtà.

Indipendenza e chiarezza nel ruolo, sono questa le due principali condizioni richieste da Maldini: “Ho visto Fassone quattro volte in un mese, mi ha detto che sono la prima scelta per quello che rappresento. Però-spiega- proprio per rispetto della mia storia, se io accetto di entrare nel Milan lo faccio solo seguendo i miei ideali. Amo profondamente questo club e posso aiutarlo solo ascoltando il mio cuore e la mia testa. Per il bene del Milan devo restare me stesso”

All’ex numero 3 rossonero è stato offerto il ruolo di direttore tecnico, ma cosa vuol dire?: “Mi hanno prospettato una struttura con Fassone a.d., io direttore tecnico e Mirabelli direttore sportivo. Ma il punto e’: cosa faro’? Io e Mirabelli dovremmo gestire la parte sportiva, ma se c’e’ una differenza di vedute chi decide? Non posso avere un ruolo a meta’ con un’altra persona. Mi sembra inevitabile affrontare subito il problema”.

Maldini ha quindi chiesto di conoscere e confrontarsi con la proprietà: “Non voglio giudicare chi non conosco, ma pretendo una condivisione del progetto sportivo che a oggi non c’e’. A me e’ stato detto che l’obiettivo e’ riportare il Milan tra le prime cinque squadre del mondo. Ma questo significa lavorare 24 ore al giorno per tanto tempo. Io sono disposto a farlo, ma devo sapere bene come stanno le cose”.

Infine l’ex capitano rossonero ha parlato di scadenze e tutto dovrebbe definirsi nel giro di qualche giorno: “Non c’è nessuna dead line ma nei prossimi giorni si definirà tutto in un senso o nell’altro: io non ho fretta e non avrebbe senso averne vista la vastità del progetto. Vorrei solo sapere da loro cosa intendono fare per il bene del Milan, io poi mi metterei in gioco”.

Video del giorno