Salerno, sentenza shock

salerno

Una sentenza che farà certamente discutere quella emessa oggi dal Tribunale per i minorenni di Salerno, che ha scelto di affidare una bimba di 4 anni alle cure della sua babysitter

project adv

E’ finita bene la vicenda di una bimba di 4 anni che era stata abbandonata dai genitori e affidata alle cure di quella che era stata, fino a quel momento, la sua babysitter. Il Tribunale per i minorenni di Salerno, infatti, ha emesso una sentenza che certamente farà discutere. La piccola, per la Corte, deve restare con la sua “ex tata”, per salvaguardare “la continuità degli affetti”.

La vicenda

La bimba era stata affidata a Silvana, la donna che le faceva da babysitter, che si era quindi presa cura di lei per lunghi mesi, senza mai avere notizie della madre ne di altri parenti. All’improvviso la madre naturale si era rifatta viva e aveva chiesto indietro la bambina. Ma la faccenda non era sembrata chiara a Silvana. La madre biologica si era presentata, infatti, insieme ad un uomo di origine indiana che, affermava, essere il padre della piccola. Insieme avevano scattato alcune immagini della bimba, con lo scopo, dissero, di volerle pubblicare sui social e dicendo di voler poi portare via la figlia per farla conoscere anche ai parenti indiani dell’uomo.

A questo punto la ex tata, non credendo alla versione della madre e temendo che potesse accadere qualcosa di brutto alla piccola, ha avvertito i Carabinieri del nucleo di Salerno, che hanno compiuto tutti gli accertamenti sul caso, culminato con la felice sentenza di oggi. Il Tribunale ha deciso per l’affidamento alla ex babysitter nonostante la signora Silvana e il marito, un bagnino precario, avessero già quattro figli. “Quella piccola mi è entrata nel cuore” ha affermato, soddisfatta, la donna “e sarà la mia quinta figlia”.

Video del giorno