Sandra Mondaini, la Signora della televisione italiana

sandra mondaini

Il 21 settembre ricorre l’anniversario della morte di Sandra Mondaini, moglie del compianto Raimondo Vianello, una delle più amate signore della tv italiana

project adv

Oggi avrebbe avuto 86 anni Sandra Mondaini, moglie di Raimondo Vianello, tra le più note e amate signore della tv italiana. Attrice comica e conduttrice, la carriera della Mondaini coincide, si può dire, con la storia stessa della televisione: sì, perchè quando è nata la Rai, la signora Vianello era lì, nel piccolo schermo a far compagnia nelle case di milioni di italiani.

sandra mondaini

Nata a Milano il 1 settembre 1931, la Mondaini diventa una star nazionale già da bambina, partecipando ad una importante campagna pubblicitaria contro la tubercolosi. Nel 1954, anno della nascita della tv di Stato, la giovane Sandra entra a far parte della compagnia di rivista del piccolo schermo, lavorando al fianco di personaggi del calibro di Mike Bongiorno, Corrado, Raimondo Vianello (che di lì a poco sposerà), Walter Chiari, Aldo Fabrizi, Valeria Fabrizi, Mina, Gino Bramieri e tanti altri.

Il celebre personaggio Sbirulino

Dopo una lunga carriera nella Tv pubblica, Sandra Mondaini, insieme al marito Raimondo, lascia la Rai per approdare agli inizi degli anni ’80 nella neonata tv commerciale Mediaset: sul nuovo network televisivo privato della Fininvest, Sandra e Raimondo sono i protagonisti assoluti di numerose trasmissioni storiche, come Sandra e Raimondo Show del 1987 con Cinzia Lenzi, Bonnie Bianco, Galyn Görg, Alessandra Martines, Steve La Chance, Sabrina Salerno e Tracy Spencer. Dal 1988 al 1990 è ospite fissa su Canale 5 del quiz televisivo Il gioco dei 9, anch’esso condotto dal marito Raimondo. Nell’autunno degli anni 1989 e 1990 è nel cast del programma tv Sabato al circo in onda il sabato in prima serata su Canale 5: Sandra veste i panni del simpatico Sbirulino regalando momenti di spettacolo per tutta la famiglia. Dal 1991 al 1993, Sandra porta in scena per l’ultima volta il pagliaccio Sbirulino, affiancando Marco Columbro e Lorella Cuccarini nella conduzione di Buona domenica, uno dei primi programmi in diretta della televisione commerciale italiana.

La scena cult di Casa Vianello

Dal 1988 al 2007 Sandra e Raimondo sono i protagonisti di Casa Vianello, la sit-com più famosa e longeva prodotta dalla televisione italiana: vengono infatti realizzate 16 stagioni per un totale di 343 episodi mantenendo negli anni l’impianto classico del programma, che ne ha reso il grande e costante successo. Assieme alla coppia Mondaini-Vianello, anche l’attrice Giorgia Trasselli nei panni della tata. Indimenticabile la scena finale che chiudeva ogni puntata della sit-com, con Raimondo che leggeva il giornale nel letto e sua moglie Sandra accanto che pronunciava la celebre frase, ormai divenuta un cult, “Che barba che noia, che barba che noia!”.

Video del giorno