Ultime notizie
Home » Archivio per il tag: recensione

Archivio per il tag: recensione

Pace di Fabrizio Moro è un viaggio catartico, un’immersione a capofitto tra i meandri di una sempiterna irrequietezza

Pace

Pace è l’omonimo secondo estratto del nono album in studio di Fabrizio Moro. Dopo Portami via, brano con cui il cantautore si è piazzato 7° a Sanremo, Pace prosegue il percorso e accompagna l’ascoltatore verso l’universo interiore di Moro che sceglie di mostrarsi meravigliosamente fragile e semplicemente umano Pace ha l’aspetto di un’istantanea che ritrae quasi in maniera estemporanea un …

Continua a leggere »

“Un tirchio quasi perfetto”, la recensione del film di Dany Boon

Dany Boon

Dany Boon, patron della nuova commedia francese, torna sul grande schermo nei panni di un violinista incredibilmente tirchio e le risate sono assicurate Francois Gautier, alias Dany Boon, è un violinista di talento. La sua vita è regolarmente scandita da concerti e lezioni di musica. Sembra tutto apparentemente normale, persino piatto, se non fosse che Francois ha un difetto di non …

Continua a leggere »

Il Diritto di Contare, oltre i limiti del pregiudizio

Il Diritto di Contare, Recensione del film di Theodore Melfi La storia ha spesso posto in primo piano la figura maschile come emblema del progresso e dell’evoluzione, sottovalutando così il ruolo delle donne, che ancora oggi faticano a vedere riconosciuto il proprio lavoro. E’ pensiero comune credere che le più grandi scoperte dell’umanità siano state decise e realizzate dagli uomini …

Continua a leggere »

Beata Ignoranza: tra social e tradizione trionfano l’amore e i buoni sentimenti

Beata Ignoranza

Beata Ignoranza è la quarta regia di Massimiliano Bruno che punta tutto sull’affiatata coppia Giallini­-Gassmann. Buona l’idea, debole la sceneggiatura. Un film onesto che fa trionfare la genuinità dell’amore e fa riaffiorare la nostalgia dei buoni sentimenti Beata Ignoranza è nelle sale dal 27  febbraio e sulla scia dell’apripista Perfetti sconosciuti (Genovese, 2016) è un prodotto filmico che propone come oggetto …

Continua a leggere »

Feud: Bette and Joan 1×01 – recensione

feud

Due attrici talentuose, una sola luce al centro della scena. Questo e molto altro è Feud: Bette and Joan, serie che dal pilot promette faville Feud: Bette and Joan è l’ultima di una linea di serie antologiche che si rivolgono specificamente agli interessi del creatore e produttore, Ryan Murphy. Questa serie è stata attesa spasmodicamente, sia perché sceneggiata dal genio del male …

Continua a leggere »

Lucio Battisti: una vita trascorsa a nascondere la sua “Anima Latina”

Lucio Battisti

Su Lucio Battisti ne sono state dette e scritte tante, forse troppe. La critica e non ha tardato nel riconoscere nel cantautore qualcosa di diverso, di innovativo e per certi versi, di precursivo. Quel che molti non sanno e che nemmeno si aspettano è che in Lucio fremeva un animo dalle arsure calde, tanto quanto lo sono i raggi del …

Continua a leggere »

Rosso Istanbul, la recensione dell’ultima fatica di Ozpetek

Ozpetek

Nel corso della settimana è uscito nelle sale cinematografiche italiane “Rosso Istanbul”, ultimo lavoro del regista Ferzan Ozpetek Ozpetek torna finalmente sul grande schermo e lo fa con un’opera estremamente intimista, tesa a raccontare un piccolo, grande mondo che da sempre gli appartiene. Orhan Sahin torna ad Istanbul dopo venti lunghi anni di assenza al fine di aiutare il celebre …

Continua a leggere »

Jackie, il film biografico su Jaqueline Kennedy

jackie

La recensione di Jackie, il film di Pablo Larraín ed interpretato da Natalie Portman dedicato a Jacqueline Kennedy Jackie, uscito nelle sale italiane il 23 febbraio, racconta la vicende di Jacqueline Kennedy a seguito dell’assassinio del 35° presidente degli Stati Uniti, John Fitzgerald Kennedy, avvenuto a Dallas in Texas nel  1963. È il settimo film per il regista cileno Pablo Larraín, …

Continua a leggere »

The Great Wall, La forza dello Xin-Ren

The Great Wall, La forza dello Xin Ren Pensando alla Cina la mente si focalizza sugli intramontabili film di arti marziali di Bruce Lee, sul regime comunista di Mao e su qualche ricordo confuso dei tempi della scuola quando la maestra di storia parlava del grande impero d’Oriente e di Marco Polo.  La Cina è tradizione, cultura, conoscenza e sapienza ma, …

Continua a leggere »

Vietato morire: l’ambiguità della violenza e la poesia della disobbedienza

Ermal Meta grazie alla sua Vietato morire si è classificato 3° a Sanremo e si è aggiudicato anche il premio della critica. Ecco la recensione di Zon.it Vietato morire è un brano onesto, diretto, che fa coincidere autore e interprete. Non è un pezzo sulla violenza, ma ne è una declinazione ed è in stretta connessione con il verbo disobbedire. …

Continua a leggere »