Ultime notizie
Home » ZON Magazine » Writer ZON » Una lingua si aggira per le strade dell’Occidente
lingua

Una lingua si aggira per le strade dell’Occidente

Slurp, gnam, yum, crunch, slap, chomp. È la lingua, signori

Beninteso, per essa si vuole qui alludere a ogni singolo muscolo, organo o affine comunque utilizzato per mangiare, sorbire, gustare, succhiare, sgranocchiare, etc..

La lingua: il vero e, a questo punto, unico fantasma rimasto ad aggirarsi per le strade dell’Occidente.

Come dite? Esagero? Alzate lo sguardo dal display, allora, e guardatevi attorno: in qualsiasi crocicchio di strade, a ogni angolo di semaforo, a cavallo di tutte le parallele di marciapiedi, s’invoca, si blandisce, si adesca solo lei, nostra sorella Lingua.

Poco importa che tu sia ricco o povero, magro o grasso, erudito o zoticone. Tutto quello che conta, è quanto la tua lingua sia capace di farsi ingolosire da bizzeffe di ristoranti finto vintagedai mille fast food salmodianti maionese e ketchup, dall’ennesimo bar esotic-trash che rimanda a trasognanti atmosfere cafonal-chic.

La lingua, mesdames et messieurs, l’unico organo dotato di memoria elefantiaca. Chiedi a qualsivoglia, rapsodico omuncolo cavalcante smog e polveri sottili, dove deve andare sferzato da così tanta fretta e cosa debba fare con la boccuccia perennemente atteggiata a “culo di gaddrina”.

Ti parlerà di stress che tutto obnubila, di mete che non si ricordano, di affari che annegano nell’ultimo fondo di caffè.

Ebbene, miei cari amici, l’unica cosa di cui, la personcina trafelata di cui sopra, non si scorderà mai, la sola ossessione che si pianterà come un chiodo al centro della sua memoria, sarà quello che ha mangiato stamattina.

La lingua, cioè, che una volta evocata, ammantata da succulenti papille gustative riandrà, lucida di un nitore adamantino, al caffè di cinque minuti fa, alla nutella di stamane, alla pasta e fagioli (riposata, ça va sans dire) innaffiata dal vino simil biologico, di ieri sera.

E giù giù, in un sabba infernale di sapori e odori, libagioni e indigestioni, fino alla notte dei tempi quando, dopo la prima guerra tra Homoincazzosus e OminculusKazzimmoso, sorse la primigenia paura di restare senza cibo.

Ebbene, stiamo fermi ancora lì. Inghiottiamo calorie mentre guardiamo carboidrati in televisione, bestemmiando anatemi innervati dall’aroma di caffè per la pagella scarsa del figlio all’Alberghiero.

Una siderale, pantagruelica lingua, che fagocita ogni differenza architettonica (un angolo di Salerno, con i suoi tabernacoli di dolci e salati, è praticamente uguale a uno di Londra), qualsiasi tipicità locale (la sfogliatelle di Shangai guardano di sottecchi ‘a sfugliatella ‘e Napule).

Ma come il Pelide Achille ha il suo tallone, come l’ossigenato Trump ha il suo vocabolario, così pure l’insaziabile lingua ha il suo punctum dolens: la piazza assolata del paese, arroccato sulle pendici del compassato buonsenso, dove gli unici addensanti della crema sono le uova covate a prati freschi e ruzzolate brinose.

Poco male. Ogni regola ha la sua eccezione.

La lingua guarda con noncuranza il paesello bucolico, e si attorciglia famelica intorno all’ennesimo MangiaeBevi “che si apre madreperlato come ostrica, dove le perle siamo noi, da lisciare, (s)fregare per bene fino a consumarci”.

 

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Vincenzo Benvenuto

Avvocato e scrittore ("Tra le pieghe di un sorriso", 2010; "Le dita del Comandante", 2017). Ideatore e curatore del blog: deambulandosolvitur.blogspot.it Collaboratore ZON da settembre 2014.

Check Also

Elezioni amministrative

Elezioni amministrative 2017: il Pd e l’ostentazione della vittoria

Le elezioni amministrative mostrano il vero sconfitto della cometizione: il Pd. Il partito di Renzi, …