Ultime notizie
Home » ZON Magazine » ZON Music » Canzonando » Vietato morire: l’ambiguità della violenza e la poesia della disobbedienza
Foto LaPresse/ Gian Mattia D'Alberto 11-02-2017 Sanremo (IM) spettacolo 67mo festival della canzone italiana Puntata finale nella foto: Ermal Meta Photo LaPresse/ Gian Mattia D'Alberto 11-02-2017 Sanremo (IM) 67th festival of Italian songs In the picture:Ermal Meta

Vietato morire: l’ambiguità della violenza e la poesia della disobbedienza

Ermal Meta grazie alla sua Vietato morire si è classificato 3° a Sanremo e si è aggiudicato anche il premio della critica. Ecco la recensione di Zon.it

Vietato morire è un brano onesto, diretto, che fa coincidere autore e interprete. Non è un pezzo sulla violenza, ma ne è una declinazione ed è in stretta connessione con il verbo disobbedire.

Complimenti Ermal

Senza troppi indugi è bene inquadrare subito Ermal Meta come la “vera” rivelazione di questo Festival e non soltanto per una mera questione di inclusione conquistata all’interno della rosa dei big, ma per l’effettivo e tanto agognato riconoscimento artistico che da tempo spettava ad una personalità tanto articolata e valevole.

Messa in ordine la giusta collocazione e la conseguente categorizzazione già a lungo discussa da parterre giornalistico e critico, resta la canzone.

Che poi in fondo a Sanremo, finito il clamore delle polemiche, dei vestiti azzeccati o mancati e dei cachet esagerati,Vietato morire restano le canzoni e per fortuna aggiungerei.

Secondo tanta analisi stampa, a fenomeno Gabbani concluso, la canzone che è destinata a fare la differenza è appunto Vietato Morire.

Paolo Giordano in un intervento televisivo a Mattino Cinque ha definito il brano del cantante albanese come un prodotto fruibile nel lungo termine perché “dalla melodia inconsueta e dal testo impegnato”.

L’armonia azzeccata e che risuona all’orecchio c’è tutta e la storia pure, ma vero è che le osservazioni a posteriori che derivano dalla lettura di un testo, sia esso musicale o meno, incontrano sempre il limite dell’intenzione.

L’intenzione e la recensione

Ci siamo chiesti quale fosse l’originaria intenzione comunicativa del cantante.

Vietato morire è una denuncia? È un racconto di vissuto? O è una parentesi di vita?

Ricordo quegli occhi pieni di vita /
E il tuo sorriso ferito dai pugni in faccia /

L’atmosfera d’apertura è di reminiscenza e i ricordi prendono il sopravvento. Sono così vivi e nitidi da dare la parvenza di uscire dal testo stesso.

Ricordo la notte con poche luci/ Ma almeno là fuori non c’erano i lupi/

Il buio non solo locazionale, ma interno, è l’oscurità di un animo minato e costretto a retrocedere per la paura e per lo sgomento di incontrare “il lupo”.

Ricordo il primo giorno di scuola/
29 bambini e la maestra/
Margherita
Tutti mi chiedevano in coro/
Come mai avessi un occhio nero

Ed ecco riemergere in superficie quelle che in una fase iniziale sono soltanto ferite esterne. I segni della violenza si palesano al mondo e negare l’evidenza è come mentire.

La tua collana con la pietra magica/
Io la stringevo per portarti via di là/

Un oggetto per imprimere il dolore e attendere che si trasformi in cicatrice. Un amuleto-pegno è l’unico strumento che il bambino (Ermal) può utilizzare per salvare almeno idealmente la sua mamma.

E la paura frantumava i pensieri/
Che alle ossa ci pensavano gli altri/

Ma i buoni propositi non si tramutano immediatamente in fatti e così neppure la “pietra magica” riesce ad impedire che “Il lupo” continui a far male.

E la fatica che hai dovuto fare/
Da un libro di odio ad insegnarmi l’amore/
Hai smesso di sognare per farmi/ sognare
Le tue parole sono adesso una canzone/

È questo il momento rivelatorio della canzone, quello in cui i ruoli sono chiari, così come si antropomorfizzano le sensazioni che divengono protagoniste del narrato.

Vietato morire è il prodotto diretto dell’amore

È la prova di come possa maturare e crescere in un figlio se è la madre ad insegnarglielo nonostante tutto.

Cambia le tue stelle, se ci provi riuscirai/
E ricorda che l’amore non colpisce in faccia mai/

Ed è possibile cambiare il proprio destino e ripartire da zero. È possibile cogliere un fiore in un terreno arido e sterile, tenendo bene a mente e vivo il seme della re-azione.

Figlio mio ricorda
L’uomo che tu diventerai/
Non sarà mai più grande dell’amore che dai/

Lo sai che una ferita si chiude e dentro non si vede/
Che cosa ti aspettavi da grande/ non è tardi per ricominciare

“Non voglio essere retorico, ma racconto storie solo quando le ho già digerite. E quindi le condivido” così ha spiegato il cantante a 361 magazine.it ed è sicuramente la riprova che Vietato morire assimila la paura ed insegna il coraggio.

Un trascorso personale difficile, uno spigoloso scoglio da superare e da smaltire. Ermal Meta qui dimostra di aver assimilato il passato, lo stesso che lo ha reso il cantautore delicato e al tempo stesso cazzuto che è oggi.

E scegli una strada diversa e ricorda che l’amore non è violenza/

Ricorda di disobbedire e ricorda/ che è vietato morire/ vietato morire

Il passaggio più accennato, eppure l’essenziale del testo sta tutto qui, in questo verbo che fa assaporare la libertà e non si limita a sfiorarla come forse solo l’obbedienza sa fare.

Lecito è disobbedire, dire no alla violenza, sia essa fisica o psicologica. Lecito è disobbedire ai luoghi comuni, alle apparenze, perché è Vietato morire, soprattutto dentro.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Antonella Esposito

Antonella Esposito
Specializzata in Comunicazione pubblica e d'impresa e laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università degli studi Suor Orsola Benincasa di Napoli. Animata da una forte passione per la scrittura critica. Segue con interesse musica, cinema e teatro.

Check Also

Voglio una vita esagerata, voglio una vita come Steve McQueen

Voglio una vita esagerata, voglio una vita come Steve McQueen

Steve McQueen nasceva oggi, 87 anni fa. Una vita vissuta al limite dopo un’infanzia difficile. …