Carmando, “le mani su d10s” con Camaggio

carmando
Il Salernitano Salvatore Carmando

Esce finalmente in edicola “Carmando, le mani su d10s”, libro che racconta i dietro le quinte di un Napoli che ha fatto sognare. Tutti i dettagli della presentazione

Si è sempre detto che “La botte piccola conserva sempre un vino eccellente”.  È così che finalmente esce in edicola  il lavoro di Salvatore Carmando, pensato fin dal lontano 1991. La presentazione del libro “Carmando le mani su D10S” è avvenuta l’8 maggio presso il Multicinema Modernissimo di Napoli.

Autori Salvatore Carmando e Renato Camaggio, edito da Graf grazie alla pubblicazione del dottore Giulio Pavone, giornalista e scrittore. Inoltre l’Editore ringrazia per la collaborazione Fracesco Marciano, Lucio Pengue, Radio CRC, Tommaso Gabriele e Gilda Camaggio. Tra le tante testate sportive nazionali ed internazionali, ospiti d’onore, l’indimenticabile capitano del Napoli Giuseppe Bruscolotti e l’inossidabile tecnico Luiz Vinicius de Menezes, più noto come “O’ Liòne”, che tanto ha fatto sognare i tifosi del Napoli negli anni ’70, del primo vero scudetto mancato dai partenopei.

carmando
Luiz Vinicius de Menezes detto “O Liòne”.

In compenso quella fu una parentesi calcistica, che a mio avviso espresse un nuovo tipo di calcio con momenti di altissimo livello spettacolare.  Il massofisioterapista  Salvatore Carmando, che nella sua vita professionistica ha praticamente vinto tutto compreso un mondiale con l’Argentina, ci racconta cosa è stata la storia del calcio e di un “certo” calcio negli ultimi decenni.

carmando
Carmando alla sera della presentazione.

Tanti episodi vissuti con il grande Diego Armando Maradona che dopo il primo massaggio ricevuto da Salvatore, si alzò dalla brandina e disse che era stato bravissimo e da quel momento lò consacrò suo massaggiatore per sempre. Coautore, l’avvocato salernitano e tifosissimo del Napoli Renato Camaggio. Saggista giuridico e procuratore sportivo presso la F.I.G.C., in questo libro cavalca la stessa passione calcistica dell’amico di sempre Salvatore, curandone la biografia.

carmando
Camaggio, Carmando, Rivieccio e Pavone.

Nella prefazione, il dottore Giuliano Pavone sottolinea la preziosità di questo libro, che rappresenta la storia del Napoli vista da un angolo visuale insolito e vero: campo e spogliatoio raccontato da chi ha realmente vissuto queste due fasi e senza mai esserne protagonista. Il servitore vero e reale di chi effettivamente è stato protagonista. Dietro una grande squadra, c’è sempre un grande staff. Nel nostro caso dietro il più grande campione del mondo, Diego Armando Maradona, c’è stato, nella sua grande umiltà, il più grande massaggiatore del mondo: Salvatore Carmando.

Articolo precedentePD, l’addio di Civati e le accuse alla maggioranza
Prossimo articoloPrimo amore di Garrone, la psicologia della serialità
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...