Governo, dietrofront Salvini: “Di Maio è una brava persona”



governo, lega
foto da profilo facebook ufficiale di Matteo Salvini

Governo, dopo le gravi accuse di ieri Matteo Salvini corregge il tiro e cerca il dialogo: “Mi correggo, Di Maio è una brava persona”

Governo, torna il sereno dopo la tempesta? Troppo presto per dirlo e le polemiche della giornata di ieri bruciano ancora come ferita viva ma le dichiarazioni di ieri del Ministro degli Interni di Matteo Salvini sembrano essere una mano tesa verso il dialogo e il chiarimento. Dopo le accuse di tradimento contro il Movimento 5 Stelle e il suo leader Luigi di Maio dopo il voto penta-stellato in Commissione Europea alla Von der Layen e lo scontro sui presunti finanziamenti Russi alla Lega, in serata Salvini ha corretto il tiro: “Di Maio è una brava persona“.

La situazione all’interno dell’Esecutivo resta però più che mai incerta e la decisione dello stesso leader leghista di disertare Consiglio dei Ministri e Vertice sull’autonomia non sono certo segnali che inducono all’ottimismo. Molte sono le voci tra i vertici leghisti che spingono Salvini a rompere il patto di governo ma è lo stesso leader del carroccio a frenare: “Votare in autunno? Non decido io ma il Presidente della Repubblica che è il garante del fatto che questo resti un Paese democratico. Non ho la data di scadenza come gli yogurt“. Sul rapporto con Di Maio e Conte poi, Salvini non chiude le porte al dialogo: “Il mio telefonino è sempre acceso“.

Leggi anche