Il Toto-Nazionale



nazionale

Il Toto- Nazionale, non stiamo parlando di Toto Cutugno, quello che voleva andare a vivere in campagna, per intenderci, ma della panchina vuota della Nazionale Italiana di Calcio

Se avete comprato Fifa 16  godetevelo ancora per qualche mese, dopo, vi conviene gettarlo. Si perché la prossima estate post europei si prevede come quella dal calcio mercato più intenso degli ultimi dieci anni. Guardiola andrà al City, e minaccia di portarsi dietro mezzo Bayern; in Germania arriva Ancelotti, il quale ha una lista della spesa da fare tra Italia e Spagna già pronta in tasca; allo United arriva Mourinho, uno che in quanto a far spendere i propri presidenti è quasi più bravo di Mancini e in fine, si fa per dire, Antonio Conte, C.T. della Nazionale da meno di due anni, giusto il tempo di farsi qualche viaggio con Oriali, e una foto con Tavecchio, (sì, quello delle Banane, delle Lesbiche, dei Gay e degli Ebrei…) ha già firmato un contratto con il Chelsea di Roman Abramovich, dopo aver conseguito la qualificazione e  prima ancora di diramare la lista dei convocati all’Europeo francese.

Molti ne chiedono l’immediato licenziamento, sarebbe una mossa giustificata, quantomeno per una questione di opportunità, ma sarebbe comunque una soluzione tecnicamente avventata, visto che gli europei ci saranno tra pochi mesi e per sostituirlo poi con chi? Ecco che si aprono le scommesse.  I nomi sono tanti, uno di questi è Fabio Cannavaro, che sarebbe affiancato da Lippi, con un ruolo ancora da capire, i due hanno fatto coppia in Cina prima di rescindere i reciproci contratti; la seconda prospettiva sarebbe il Donadoni Bis, l’allenatore del Bologna fece benino, raggiunse la semi finale di un Europeo, fu eliminato dalla Spagna ai calci di rigore.

Un altro nome è quello di Ventura, a rischio esonero con il Torino, sarebbe un’ipotesi low cost, ma anche poco suggestiva; Claudio Ranieri potrebbe essere un profilo interessante, ma molti dubitano che dopo l’esaltante stagione a Leicester, dove forse vincerà persino il campionato e sicuramente disputerà la Champions League, avrà voglia di provare questa esperienza il  prossimo anno. L’ipotesi più suggestiva è quella che porta a Fabio Capello, ha fatto male in Russia, ma è pur sempre un grandissimo allenatore, anche se l’ex Milan, Juve e Real ha già fatto sapere di non voler allenare un’altra nazionale, ma con un contratto milionario potrebbe cambiare idea.

Resta alla finestra Mazzarri ancora senza squadra dopo il flop con l’Inter. Per lui sembravano doversi aprire le porte di Trigoria, ma ormai quella strada non è più percorribile. Prandelli ha lasciato un pessimo ricordo e in ogni caso dovrebbe tornare all’Atalanta, se non in questa stagione, pare sicuramente la prossima. Non ci sono molti altri nomi che si possono fare, a meno che non si decida di chiamare Stramaccioni, o d’infrangere l’ultimo tabù con un allenatore straniero, ma non ci crede nessuno.

Non ci resta che rimanere in attesa, fino alla prossima stupidaggine di quello che sta per passare come il peggior presidente che la Federazione italiana abbia mai avuto. Non è facile fare peggio di Franco Carraro, che oltre tutto è stato eletto tre volte, ma, stai andando bene Carletto, ce la puoi fare…

Leggi anche