La band californiana ha annunciato l’addio del chitarrista che in questi anni li ha accompagnati, Josh Klinghoffer e con grande stupore, dopo un’assenza durata ben 10 anni, il ritorno di John Frusciante nei Red Hot Chili Peppers

John Frusciante, lo storico chitarrista della band californiana ritorna dopo un addio di 10 anni. Ad annunciarlo sono stati proprio i Red Hot Chili Peppers con un post su Instagram.

La band ha annunciato l’addio al chitarrista che li ha accompagnati nell’ultimo decennio, Josh Klinghoffer. “Josh è un grande musicista che rispettiamo e a cui vogliamo bene. Siamo molto grati per il tempo trascorso insieme. Annunciamo inoltre, con grande entusiasmo che John Frusciante rientra nel gruppo”.

Il chitarrista dei Red Hot Chili Peppers entrò nella band a soli 18 anni, nel 1988 per poi lasciarla una prima volta nel 1992 per problemi di dipendenza dall’eroina ed altri problemi personali. John si prese una pausa e la cosa si fece sentire. Infatti “One Hot Minute”, dove il sound delle chitarre è affidato a Dave Navarro, è un disco calante sotto molti punti di vista, un disco che tradisce immediatamente un’assenza, un vuoto creativo, recuperato totalmente in “Californication”, cinque anni più tardi, quando Frusciante dopo una complessa disintossicazione viene riconvocato in studio.

Dopo una carriera da solita, tornò nella band nel 1998 e ancora una volta, nel 2009, abbandonò il gruppo. Inserito nella “Rock and Roll Hall of Fame“, Frusciante nel 2010 è stato riconosciuto dalla BBC come miglior chitarrista degli ultimi 30 anni, mentre la rivista Rolling Stones lo ha riconosciuto come uno dei 100 migliori chitarristi di sempre.