Salviamo Sara Tommasi da Andrea Diprè

L’ex naufraga bocconiana si confessa: “Sono Sara Tommasi, sono innamorata di Andrea Dipré, sì perché è lui che mi ha ridato la fama e mi ha ridato la notorietà, insomma mi ha fatto tornare diva, io perciò gli devo tutto”

“Sono Sara Tommasi, sono innamorata di Andrea Dipré, sì perché è lui che mi ha ridato la fama e mi ha ridato la notorietà, insomma mi ha fatto tornare diva, io perciò gli devo tutto”. Queste le ultime dichiarazioni della ex naufraga bocconiana Sara Tommasi. Qualche giorno fa aveva postato sul suo profilo Facebook ( che ormai è diventato un porcaio) un video in cui dichiarava che Diprè la sfruttava sessualmente ed emotivamente e, perciò, annullava le nozze con il “critico” che si sarebbero tenute il prossimo 10 Giugno a Montecarlo.

Un caso, quello di Sara Tommasi, triste e perverso. In questo ultimo video girato alle cinque del mattino, la si vede chiaramente fuori di sé sotto chissà quale droga ed emotivamente instabile dove parla quasi forzatamente recitandosara dipre un copione palesemente studiato al tavolino.

Coca e mignotte, tutta la notte!“. Sono queste le parole che la Tommasi continua a gridare, dopodiché si alza la gonna e mostra il sedere, con Diprè che la gira e la manovra come Mangiafuoco con Pinocchio.

Accanto a Sara non c’era nessuno, solo lo smartphone e lo sguardo disperso, con la sensazione che la solitudine non aiuti la ragazza a realizzare l’importanza dei suoi problemi e a farsi curare in maniera definitiva.

Io non so se sapete chi è Andrea Diprè. Andrea Diprè è un critico d’arte, anche riconosciuto e accreditato, che decide di aprire un proprio canale televisivo (DiprèTV) per sponsorizzare artisti emergenti. All’inizio portava avanti artisti non apprezzati cercando una propria “musa”, poi ha capito che la strada per il successo era un’altra.

Ha iniziato a supportare personaggi improbabili, soggetti chiaramente disturbati e vittime del web come Rosario Muniz, Giuseppe Simone e Sara Tommasi. Nelle sue interviste diventava sempre più meschino e subdolo cercando di restare serio conducendo domande improponibili e spesso retoriche.

Con la Tommasi è stato più o meno la stessa cosa.

Da tempo, l’ex schedina mostrava segni d’instabilità. Dopo essere stata accusata del caso Ruby, la bocconianaEspressioni_di_Sara_Tommasi ha iniziato a mostrare segni di cedimento psichico , un po’ come Britney nel 2008, ma anziché rasarsi a zero ed aggredire i paparazzi con un ombrello, la Tommasi ha girato un film porno “la mia prima volta. In quei fotogrammi, Sara, appare stralunata e chiaramente sotto effetto di cocaina. Infatti, più tardi dichiarerà in un’intervista a Le Iene che il suo produttore (tale Federico De Vincenzo) l’ha drogata e indotta con l’inganno a girare il porno. Sara verrà poi ricoverata in una clinica psichiatrica per disturbi di bipolarismo e abuso di psicofarmaci, dichiarando di volersi riabilitare e smetterla col porno, e denunciò il suo produttore.

Il 15 novembre 2012 doveva essere distribuito il suo secondo film pornografico,Confessioni private”, tuttavia questo venne sequestrato dalla polizia giudiziaria prima che potesse uscire.

Il 22 maggio 2014 il tribunale di Salerno ha condannato a due anni e dieci mesi il produttore del film hard Giuseppe Matera. Gli altri indagati dell’inchiesta sono rinviati a giudizio nel corso del 2014. Secondo quanto dichiarato da De Vincenzo, invece, una visita specialistica avrebbe dimostrato che la Tommasi era sana di mente e quindi in grado di intendere e volere al momento delle riprese del film.

Il 7 marzo 2013 esce I soliti noti”, una compilation di spezzoni pornografici presentata dalla Tommasi. Protagonisti degli spezzoni sono infatti Rocco Siffredi, Franco Trentalance, Remo Nicolini, l’ex tronista di Uomini e donne Fernando Vitale, il disturbatore televisivo Gabriele Paolini e l’ex concorrente della trasmissione La pupa e il secchione Luca Tassinari.

Nel giugno 2013, tramite la propria pagina Facebook, dichiara di aver sempre finto di stare male e di soffrire di malattie mentali per attirare l’attenzione dei media e giustificare il proprio ingresso nel mondo del porno.

Dopodiché, mentre Sara cercava un periodo sereno dopo tante turbolenze, ecco che nella sua vita appare, come la peggiore delle malattie, Andrea Diprè; il quale continua, sulla scia (ndr.) dei disturbi della Tommasi a girare e montare video di loro due insieme approfittandosi di lei in maniera palese.

Appurato dunque il disturbo mentale di Sara, la domanda che ci si pone è : dov’è è la sua famiglia? Perché nessuno interviene denunciando quel magnaccia di Diprè che trae profitto dalla debolezza di una donna consumata da droghe e psicofarmaci?

In conclusione, ecco citate le parole di Selvaggia Lucarelli, più volte intervenuta nella questione, sperando poi, che qualcuno faccia qualcosa per salvare Sara Tommasi da se stessa:

Chiarito che lei sta male e lui si sta approfittando del suo malessere psicologico, forse sarebbe il caso di smettere di riportare i teatrini dei due per non far gioco al signore che ci guadagna in pubblicità e click. Chiunque continui a narrare il teatrino come fosse una soap avvincente si rende complice di questo schifo. Ormai mi pare tutto chiaro, anche perchè in uno di questi video appare anche il padre di Sara che fa gli auguri alla coppia, per cui la ragazza è piuttosto sola, nel baratro. Una mestizia infinita. Per me, finchè come spero Sara non tornerà in sè, è calato il sipario e mi piacerebbe che fosse così per tutti i giornalisti. Facciamo un patto tacito e chiudiamola qui, per piacere.”