Home Uncategorized Tunisi, una mostra che racconta il fascino dell'arte mediterranea

Tunisi, una mostra che racconta il fascino dell’arte mediterranea

“Trame Mediterranee. La collezione Ludovico Corrao e Dar Bach Hamba di Tunisi” è la mostra che testimonia l’antico legame con il Mar Mediterraneo. La mostra sarà aperta dal 6 febbraio

- Advertisement -

Tunisi, il fascino caldo del Mediterraneo che incontra le sue onde e, con esse, disegna confini sempre più ampi. Dal 6 febbraio al 6 marzo aprirà la mostra “Trame Mediterranee. La collezione Ludovico Corrao e Dar Bach Hamba di Tunisi”. 

- Advertisement -

Un’iniziativa dedicata a Corrao, sindaco della capitale magrebina, che trasformò la città in un gioiello dopo il terremoto del 1968, impreziosendola con il lavoro di architetti, pittori e scultori.

Alberto Burri, Arnaldo Pomodoro, Josef Beuys a Mario Schifano, Emilio Isgrò, Mimmo Paladino, Carla Accardi e Piero Consagra sono solo alcuni degli artisti che contribuirono alla rinascita di Gibellina.

Presso l’ex Presbiterio di Santa Croce, il pubblico potrà ammirare arte contemporanea, tessuti, ceramiche e terrecotte, pupi siciliani e sculture in legno, arrivati in loco grazie alla fondazione di Corrao del 1992, l’Istituto Italiano di Cultura a Tunisi e l’Ambasciata d’Italia in Tunisia.

Questa è solo una delle tante iniziative volute da Corrao, che ha fondato anche il Museo “Le Trame Mediterranee”, nel palazzo Dar Bach Hamba di Tunisi.

L’origine esotica degli arabeschi è un linguaggio universale che fa parlare diverse culture, che afferiscono e confluiscono tutte nel grande mare, anche per la risoluzione dei conflitti.

Questo viaggio affascinante è stato curato da Enzo Fiammetta con il contributo di Achille Bonito Oliva, Francesca Lorenzo Fanara, Maria Vittoria Longhi, Calogero Pumilia, Daria Settineri e Roberta Civiletto.

- Advertisement -

Covid-19

Italia
44,098
Totale di casi attivi
Updated on 21 September 2020 - 13:24 13:24