Ultime notizie
Home » ZON Magazine » ZON Movie » Guardiani della Galassia Vol.2, il festival dell’eccesso

Guardiani della Galassia Vol.2, il festival dell’eccesso

Guardiani della Galassia Vol.2, film diretto da James Gunn, fa dell’ironia smisurata e dell’azione le armi potenti di una facile vittoria

James Gunn con Guardiani della Galassia Vol.2 torna alla guida dell’irriverente gang di supereroi con un tocco decisamente più leggero e disimpegnato rispetto all’episodio precedente e con un’ironia  che spinge al massimo, forse fin troppo, sull’acceleratore. Una spietata e roboante CGI comanda la pellicola fin dalle prime scene mentre l’azione dai ritmi frenetici e il susseguirsi forsennato e nostalgico delle canzoni anni ’80 donano godibilità, fino a un certo punto, all’intero girato.

La trama

Qualche tempo dopo le avventure che li avevano visti protagonisti nel capitolo precedente, i Guardiani della Galassia tornano in azione ottenendo un delicato incarico sul pianeta dei Sovereign. Svolto il loro compito, Star-Lord (Chris Pratt) e soci, mentre si allontanano dal pianeta, si accorgono di essere inseguiti e attaccati dalle navicelle dei Sovereign a causa di Rocket (voce originale di Bradley Cooper) che ha rubato delle preziose batterie. Tutto sembra perduto, quando un essere di nome Ego (Kurt Russell) interviene nel combattimento salvando la squadra capitanata da Quill. Ego dice di essere il padre di Quill, il quale finalmente avrà la possibilità di conoscere la verità sulle sue origini e sulla sua vera natura.

Pulsante “forma” o pulsante “contenuto”? Una scelta facile anche per Baby Groot   

Il filone narrativo iniziale, che vede i nostri protagonisti come sempre uniti, dopo l’intervento di Ego (una divinità che durante la sua millenaria esistenza ha visitato la Terra innamorandosi di quella che poi diventerà la madre di Peter Quill) si biforca separando il capo brigata Star-Lord dai suoi compagni che dovranno vedersela con svariati pericoli. Tra i due filoni Gunn sceglie di dedicare maggiore attenzione a quello di cui fanno parte soprattutto Drax, Rocket e un tenerissimo Baby Groot, insomma i personaggi che nel primo film avevano avuto “minor spazio” rispetto al Quill di Chris Pratt ma non meno successo.

La trama, abbastanza debole e con un’unica chiave di lettura, fondamentalmente si aggrappa a temi noti come l’amicizia e l’appartenenza ad una famiglia non di sangue, che non risultano né trattati in maniera originale né stimolano una minima riflessione (Gunn consapevolmente crea una pellicola leggera e spensierata sotto tutti i punti di vista). Tutto il resto viene surclassato dall’azione sfrenata e da battute sparate a raffica da parte dei personaggi, ridotti quasi a figure comiche. Quando in alcune scene pare crearsi un’atmosfera a prima vista seria ecco che Gunn, con l’ironia che contraddistingue l’intera pellicola, la distrugge con battute sferzanti e gesta comiche. Il ritmo, quindi, è sì alto e costante ma monotono e, a parte qualche legittimo rallentamento in corso d’opera, non conosce variazioni significative. Tutto scorre verso un classico finale targato Marvel in cui Quill, come nel film precedente, sveste i panni dell’eroe umano e sprigiona i suoi poteri che lo fanno diventare super.

Il cast

Il cast, già di alta qualità, migliora ulteriormente grazie all’aggiunta del personaggio di Ego, interpretato da un carismatico Kurt Russell. Molto apprezzato in questo secondo episodio, lasciando da parte i personaggi in CGI, il Drax di Dave Bautista la cui risata a bocca super spalancata risulta contagiosa. Lo humor di quasi tutto il cast è sopra le righe mentre tratti più spiccati di serietà mostrano Yondu, interpretato da un navigato attore come Michael Rooker, il già menzionato Ego, e Gamora. Gli altri a volte sembrano addirittura caricature degli stessi personaggi visti nel precedente film.

Guardiani della Galassia Vol.2 risulta, in sostanza, un festival dell’eccesso dove la spettacolarità e l’ironia sommergono tutto il resto togliendo anche qualcosa ai personaggi che finiscono per diventare un po’ la fotocopia l’uno dell’altro e sottraendo purtroppo parte di quella credibilità che si era creata attorno al divertente e convincente primo episodio che lasciava sperare, se non in un sequel allo stesso livello, quanto meno meglio costruito nel pattern generale rispetto a ciò che è stato proposto.

Gunn sfrutta sapientemente i migliori elementi che hanno reso famoso il precedente Guardiani della Galassia, rielaborandoli e potenziandoli al massimo al fine di creare un’opera che diverte lo spettatore donandogli due ore di disimpegnato spasso e spensieratezza.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Cristian Ferraro

Cristian Ferraro
Dottore in Archeologia e storia dell'Arte, appassionato del mondo antico e dell'arte in genere, con una forte predilezione per il cinema e per tutto ciò che di bello gli appartiene.

Check Also

PD

Renzi e la nuova pace universale del Pd

Renzi inaugura il nuovo periodo della pace universale. In realtà, la strategia del segretario investe …