Ultime notizie
Home » ZON Magazine » Writer ZON » Happy New Year, chi ha paura del 2017?

Happy New Year, chi ha paura del 2017?

Siamo nel 2017 da soli due giorni, e c’è già chi fa i primi bilanci. Un altro anno si è concluso. Un anno in più. Un anno negativo per gli scaramantici, un anno che viene dopo un anno cinico e spietato per i possibilisti. Happy New Year?

Finalmente il 2017: Happy New Year!

Prima il 2016, l’anno temuto dalla musica, dalla politica, dall’economia e dal mondo intero.

In un anno, questo disperato 2016, in Italia siamo passati dall’accelerata democrazia cristiana 2.0 di Renzi alla più confortante e invisibile guida di Gentiloni, sullo sfondo dell’ennesimo atto dei burattinai scudocrociati.

Un Presidente della Repubblica incorporeo, inetto alla comunicazione, con il suo tono monocorde e la goffa presenza, che profetizza sofismi cristiani ad un popolo che non sa essere ancora civile.

Due Referendum all’attivo, e ancora nessuna elezione democratica. Gli italiani che non toccano la Costituzione – smascherando però le palesi propagande politiche a discapito dell’etica costituzionale – ma che permettono la devastazione dei mari e delle loro terre. Terre violate dalle trivelle, che hanno deciso di ribellarsi, sperando di scuotere le coscienze: e mentre arriva il sostegno, seppur esiguo, dal Congo ai terremotati, capisci di essere ancora dalla parte sbagliata del mondo.

2017 happy new year
Happy New Year!

Ma l’importante è attendere il countdown di San Silvestro per far partire trenini, aprire champagne e spendere quello che non si ha in un anno in un solo giorno. Tutto per urlare Happy New Year, sullo sfondo di foto edulcorate, spente atmosfere di giovialità, che per giorni bombarderanno i social nell’attesa di un ricco bottino di like.

Così si finge un sorriso nel frame chiamato ad immortalarlo, si finge che tutto vada bene nei giorni di festa, per poi tornare alle lamentele stereotipate nel tardo pomeriggio del 6 gennaio.

Sarà stato l’anno bisesto, che si sa è sempre funesto, ma a conclusione, tirando un sospiro di sollievo, tutti a proclamare che un anno peggiore del 2016 non c’è mai stato, mai ci sarà.

Eppure è bastato il tempo di riprendere il respiro, per far trasalire al pensiero di questo 2017.  Si brancola nel buio, nessuna certezza, poca speranza forse già disattesa.

Dopo un anno di perdite, odio, razzismo, violenza, ci si aspetterebbe un po’ di bellezza, un po’ di quella poetica delicatezza che incanta dinanzi alla purezza dell’esistenza. Eppure il risveglio brusco del 2017 ci ha parlato già di una nuova strage, di altro dolore, terrore e insensata follia.

E mentre resuscitiamo dagli ennesimi bagordi, dovremmo quindi seriamente aver paura di questo 2017. Molti non vorranno sentire questi discorsi, ancora carichi di frenesia ed entusiasmo, proiettati su progetti e speranze da consegnare al nuovo anno, altri ben più cinici troveranno scontato questo prologo.

Ma davvero vorrei invitare a riflettere, chi alla questione non ha minimamente pensato, su come, con questi presupposti, si possa davvero credere in un anno migliore? Perché non sarà l’anno diverso a sistemare le nefandezze quotidiane a cui assistiamo passivamente, spesso da incoscienti ma ben più frequentemente da ignavi.

E allora attenderemo la fine del 2017 per lamentarci anche dell’anno appena trascorso. E non sarà più il 2016 l’anno peggiore: l’avremo già scordato! Ogni anno sarà peggiore di quello precedente, finché la nostra stessa esistenza ne sarà la causa e non la conseguenza, in uno status di vacazioni istituzionali, mala politica e crisi economica.

Non resta, quindi, che giungere le mani in segno di “Smisurata preghiera”, per non ritrovarci, tra 362 giorni, a tirare un sospiro di sollievo perché finalmente anche il 2017 è finito: l’anno peggiore della nostra vita, fino al prossimo.

China e distante sugli elementi del disastro

dalle cose che accadono al di sopra delle parole,

celebrative del nulla, lungo un facile vento di sazietà, di impunità

… per chi viaggia in direzione ostinata e contraria

col suo marchio speciale, di speciale disperazione,

e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi

per consegnare alla morte una goccia di splendore, di umanità, di verità …

Disobbedienti alle leggi del branco,

non dimenticare il loro volto che dopo tanto sbandare è appena giusto,

che la fortuna li aiuti come una svista, come un’anomalia,

come una distrazione, come un dovere.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Rossella Della Vecchia

Rossella Della Vecchia
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).

Check Also

Elezioni amministrative

Elezioni amministrative 2017: il Pd e l’ostentazione della vittoria

Le elezioni amministrative mostrano il vero sconfitto della cometizione: il Pd. Il partito di Renzi, …