Albano Carrisi: “Il Coronavirus ha fatto danni anche a me”



Albano Carrisi crisi
Screen da yt rai

Albano Carrisi confessa che il Coronavirus ha messo in difficoltà anche la sua attività: “Mi auguro che il signor virus muoia di morte inequivocabile”

Albano Carrisi racconta ai microfoni di Mattino 5 i problemi economici, causati dall’epidemia di Covid-19, che hanno messo in ginocchio la sua attività imprenditoriale (è proprietario di una azienda che produce vino e di una Tenuta con ristorante e albergo). Inoltre, l’artista sottolinea la condizione di stallo con cui i lavoratori dello spettacolo devono, al momento, fare i conti.

Il cantante di Celino San Marco rivela: “La situazione è quella che è il virus sta facendo danni incalcolabili e non guarda in faccia a nessuno. Come tutti mi trovo in una situazione un po’ problematica, intanto come artista nessuno di noi può lavorare e nessuno di noi fare il mestiere che per anni ho fatto, nel frattempo ci sono delle persone che lavorano con me, per quanto mi riguarda ci sono circa una cinquantina di famiglie, e aggiungo che grazie a Dio e sottolineo tre volte grazie a Dio, l’azienda vinicola va benissimo, ma parliamo di agricola, parliamo di l’albergo ha chiuso, il ristorante è chiuso, la pizzeria è chiusa, sono perdite giornaliere non indifferenti”.

Poi, Albano aggiunge: “Mi auguro che il signor virus muoia di morte inequivocabile così da poter ricominciare a vivere”, precisando: “Sia chiaro che non sto piangendo miseria ma la situazione è critica non solo da me ma in tutto il resto del mondo”.

Leggi anche