almeno tu nell'universo - bruno lauzi

Nell’ormai lontano 1972, Bruno Lauzi con Maurizio Fabrizio scrisse lo storico brano “Almeno tu nell’universo”, portata al successo nel 1989 da Mia Martini

Nel lontano 1972, Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio scrissero il testo di uno dei brani più iconici della musica italiana “Almeno tu nell’universo“. Anche se il brano fu scritto all’inizio degli anni ’70, si dovrà aspettare il 1989 prima che Mia Martini la porti al festival di Sanremo. Proprio quest’anno, infatti, ricorre l’anniversario per i trent’anni della canzone.

Potrebbe interessarti:

Significato del brano

Già da un primo ascolto il testo è molto chiaro. In un mondo pieno di “gente strana“, non c’è più spazio per i sentimenti e l’amore. Ma una donna, follemente innamorata, riesce a regalare tutto il suo sentimento ad un uomo che è unico in un mondo che è in continua trasformazione.

Almeno tu nell’universo

di Mia Martini

Sai, la gente è strana
Prima si odia e poi si ama
Cambia idea improvvisamente
Prima la verità poi mentirà lui
Senza serietà
Come fosse niente

Sai, la gente è matta
Forse è troppo insoddisfatta
Segue il mondo ciecamente
Quando la moda cambia
Lei pure cambia
Continuamente, scioccamente

Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell’universo
Un punto sei, che non ruota mai intorno a me
Un sole che splende per me soltanto
Come un diamante in mezzo al cuore

Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell’universo!
Non cambierai
Dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero di più, di più, di più

Sai, la gente è sola
Come può lei si consola
Per non far sì che la mia mente
Si perda in congetture, in paure
Inutilmente e poi per niente

Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell’universo
Un punto sei, che non ruota mai intorno a me
Un sole che splende per me soltanto
Come un diamante in mezzo al cuore
Tu, tu che sei diverso
Almeno tu nell’universo
Non cambierai, dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero di più, di più, di più

Non cambierai
Dimmi che per sempre sarai sincero
E che mi amerai davvero, davvero di più

Letture Consigliate