Charles Leclerc: il predestinato della velocità



Charles Leclerc
Foto: pagina Facebook ufficiale Scuderia Ferrari

Charles Leclerc, il bimbo prodigio che fa volare la Rossa: dai Kart alla Formula 1 seguendo l’onda della velocità

Corri Charles, corri!“: con questa celebre frase del film Forrest Gump potremmo incominciare a parlare di Leclerc, talento francese in “sella” alla Ferrari. Il monegasco cresciuto con il rosso nel cuore, ha conquistato la pole position nel Gp del Bahrain (qui la griglia di partenza), diventando il più giovane a farlo con il “cavallino rampante”.

La velocità è la parola magica che ha contraddistinti Leclerc fin da ragazzino, quando correva con i Kart, dove non fece altro che collezionare trofei. Nel 2014 incomincia ad assaporare il suo sogno, mettendo piedi in una prima vera monoposto, la Fortec Motosport nel campionato di Formula Renault 2.0.

Il suo talento lo portò a continuare la gavetta in Formula 3 e in Formula 2, dove non smise di volare. Nel 2016 cambia la vita del pilota, quando gli arriva la chiamata da parte della Ferrari Accademy, di cui faceva parte anche Bianchi, suo grande amico, brutalmente scomparso qualche anno fa.

Lo scorso anno ha mostrato un ottimo passo con l’Alfa Romeo Sauber, convincendo gli uomini della Ferrari a puntare su di lui al posto di Raikkonen, che ora guida la macchina lasciata proprio dal francese. Uno scambio generazionale dal tono romantico, ora tocca a Charles infiammare gli animi dei tifosi sfrecciando prima di tutti alla bandiera a scacchi.

Leggi anche