Cimabue, il quadro ritrovato in una cucina di Parigi



cimabue

Nella cucina di una casa di Parigi è stato autenticato un quadro di Cimabue, intitolato “Il Cristo deriso”. La famiglia che vi abita credeva si trattasse di una stampa

Un Cimabue ritrovato nella cucina di una casa di Compiègne, a nord di Parigi. Questa la curiosa e sensazionale scoperta che ha fatto il laboratorio di Turquin, esperto di arte antica.

L’opera si trovava nella cucina di un’anziana signora, e la famiglia aveva sempre pensato si trattasse di una stampa. Le opere di questo artista, secondo gli esperti, sono rarissime.

La tela, delle dimensioni di 25,8 cm su 20,3 cm, è dipinta a tempera su uno sfondo dorato, e raffigura quello che è sato riconosciuto come “Il cristo deriso”.

Si tratta di un’opera del grande Maestro, stimata dai 4 ai 6 milioni di euro, verrà messa all’asta da Senlis il 27 ottobre. I raggi infrarossi hanno rivelato un ottimo stato di conservazione, e sulla paternità non vi è alcun dubbio. 

Questo dipinto faceva parte di un dittico del 1280, uno degli 8 pannelli che rappresentavano scene della Passione di Cristo. Due, finora, i panneli ritrovati: uno si trova a New York, “La Flagellazione” della Frick Collection, e un altro, “Maestà con due angeli”, appartnenete alla National Gallery di Londra.

Leggi anche