Così sbagliato: Le Vibrazioni tornano a Sanremo dopo tredici anni



le vibrazioni
Foto tratta dalla pagina ufficiale Instagram de Le Vibrazioni

“Così sbagliato”, questo il titolo della nuova canzone de Le Vibrazioni, che ritornano a calcare il palco dell’Ariston dopo tredici anni di assenza

Dopo tredici anni, Le Vibrazioni ritornano sul palco di Sanremo con “Così sbagliato”. Unico brano pop-rock, che racchiude quindici anni di storia della band. Come ha dichiarato il leader della band Francesco Sarcina in un’intervista rilasciata per Tv Sorrisi e Canzoni sono ritornati da poco insieme e vogliono raccontare la loro storia.

Il nuovo brano de Le Vibrazioni parla d’amore, ma dal punto di vista di un uomo che sbagliato. Proprio per questo, chiede di essere perdonato e riabbracciato dalla sua ragazza. Con questo brano pop-rock, accompagnati dall’orchestra dell’Ariston, Le Vibrazioni cercheranno di guadagnarsi l’agognato Leone d’Oro.

Il brano è contenuto nel loro quinto album in studio “V”, distribuito da Artist First di Claudio Ferrante, e sarà disponibile dal 9 febbraio 2018. Di seguito il testo così come riportato su Tv Sorrisi e Canzoni.

Testo “Così sbagliato”- Le Vibrazioni

di A. Bonomo – L. Chiaravalli – F. Sarcina – D. Simonetta
Ed. Music Union/Edizioni Curci/Eclectic Music Group/L’Equilibrista – Milano

L’alba che scopre il mio viso
Sono sveglio e mi vesto nel posto
Sbagliato
Così sbagliato
Scusa mi sono distratto
Ti ho lasciato da sola al momento
Sbagliato
Forse ho sbagliato
I taxi delle sei
Panchine vuote
E la mia barba dentro le vetrine
Ma tu che colpa hai
Se sono io
Sbagliato sbagliato sbagliato
Portami a casa
Salvami ancora
Da queste mani fredde e viola
Riportami a casa
Perché ho paura di me
Tienimi stretto al buio e dimmi
Che mi vuoi bene anche così
Mi vuoi bene anche così
I miei castelli di carta
I miei occhi da pugile al bordo
Sbagliato
Così sbagliato
E la mia abilità di farmi male
Quando mi sento figlio e sono un padre
E tu mi dici che
Non è così sbagliato sbagliato sbagliato
Portami a casa
Salvami ancora
da queste mani fredde e viola
Riportami a casa
Perché ho paura di me
Tienimi stretto al buio e dimmi
Che mi vuoi bene anche così
Mi vuoi bene anche così
Sbagliato sbagliato sbagliato
Nel mio vestito vuoto vicino a te
E tu mi raccogli comunque
In mezzo ai vetri e puoi farmi credere
Che sia perfetto anche così
Che mi ami anche così
Sbagliato
Portami a casa
E tu riportami a casa
Perché ho paura di me
Tienimi stretto al buio e dimmi
Che mi vuoi bene anche così
Mi vuoi bene anche così
Così sbagliato

 

Leggi anche