Elefantessa con piccolo in grembo uccisa da ananas imbottita di petardi

Cronaca Elefantessa con piccolo in grembo uccisa da ananas imbottita di petardi

E’ accaduto in India, ad un’elefantessa incinta le viene offerta un’ ananas imbottita di petardi. Muore per i dolori atroci durante una lunga agonia

E’ successo in India. La guardia forestale Mohan Krishnan ha tentato di invano di salvare l’elefantessa e il piccolo che portava in grembo. Avrebbe partorito tra 18/20 mesi.

La triste vicenda è avvenuta nella Silent Valley, nel Kerala, a sud-ovest dell’India, non lontano dalla città di Munnar. 

Il povero mammifero proboscidato avrebbe accettato dell’ananas mentre vagava per il villaggio affamata e in cerca di cibo. Qualcuno avrebbe tradito brutalmente l’animale che a quanto pare si fidava dell’uomo, ma non aveva mai distrutto abitazioni, fatto del male a qualcuno o arrecato fastidio agli abitanti.

Dopo aver masticato il petardo, questo sarebbe esploso distruggendo completamente la sua bocca e provocandole delle ferite gravissime alla mascella a tal punto che non sarebbe stata più in grado di masticare.

Subito dopo l’esplosione l’elefantessa sarebbe corsa nel fiume Velliyar per cercare sollievo dalle ferite, non lasciandosi avvicinare da nessuno probabilmente per lo shock subito e per cercare ancora di difendere il suo piccolo.

Purtroppo per lei e il suo piccolo non c’è stato nulla da fare. Sono morti dopo una lunga agonia. La guardia forestale, Mohan Krishnan, ha deciso però di darle l’addio che meritava, riportando l’animale nella foresta e cremarlo. Secondo le sue parole pare fosse un’animale molto buono, che amava la compagnia dell’uomo e non aveva mai arrecato alcun danno.

L’elefantessa è solo una delle vittime dei numerosi esemplari di elefanti uccisi in tutto il mondo. Una strage silenziosa, che cerca di esser portata alla luce da animalisti, etologi e biologi. Un fotografo aveva ripreso l’elefantessa Tikiri, molto vecchia, stanca e denutrita costretta a sfilare durante l’Esala Perahera, il festival che rende omaggio alla sacra reliquia del dente di Buddha in Sri Lanka.

In India, Borneo, Sri Lanka, Malesia, Botswana praticamente dall’Asia all’Africa si consuma la strage degli elefanti specie in via d’estinzione. Le ragioni sono diverse, dalla caccia ai mammiferi per le zanne d’avorio, all’utilizzo degli animali come trofeo dopo una battuta di caccia, all’uccisione da parte degli agricoltori che cercano di ampliare e proteggere le loro coltivazioni.

I confini tra questa specie animale e l’uomo diventano sempre più sottili, da un lato gli agricoltori che cercano di espandere i propri terreni e dall’altro questi bellissimi animali posti sempre più sotto stress con sempre meno cibo a disposizione. 

 

Gaudieri Brunella
Gaudieri Brunella
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.

Covid-19

Italia
547,058
Totale di casi attivi
Updated on 19 January 2021 - 15:54 15:54