Eurovision Song Contest, domani sera la Finale su Rai Uno



eurovision song contest

Andrà in onda domani sera su Raiuno la Finale dell’Eurovision Song Contest. L’Italia sarà rappresentata da Ermal Meta e Fabrizio Moro che si esibiranno per ultimi

A margine delle due Semifinali di Martedì 8 e Giovedì 10 Maggio l’Organizzazione dell’Eurovision Song Contest ha reso noto l’ordine di uscita della Finalissima di domani sera, in diretta da Lisbona, che in Italia andrà in onda su Raiuno a partire dalle 20.35.

L’ordine di uscita della Finalissima: Ermal Meta e Fabrizio Moro ventiseiesimi

Ecco la scaletta delle esibizioni previste per la Finalissima, commentata per l’Italia da Federico Russo e l’attrice Serena Rossi.

01. Ucraina
02. Spagna
03. Slovenia
04. Lituania
05. Austria
06. Estonia
07. Norvegia
08. Portogallo
09. Regno Unito
10. Serbia
11. Germania
12. Albania
13. Francia
14. Repubblica ceca
15. Danimarca
16. Australia
17. Finlandia
18. Bulgaria
19. Moldavia
20. Svezia
21. Ungheria
22. Israele
23. Paesi Bassi
24. Irlanda
25. Cipro
26. Italia

Eurovision Song Contest, il meccanismo

Dopo le esibizioni, i delegati di ogni Paese sono chiamati ad esprimere le loro preferenze, assegnando fino ad un massimo di 12 Punti. Anche il pubblico da casa può votare tramite televoto ma non per il proprio Paese.

La nazione vincitrice ha il diritto di organizzare l’edizione successiva dell’Eurovision Song Contest.

Cosa aspettarci dall’esibizione di Ermal Meta e Fabrizio Moro?

Inutile nascondercelo: “Non mi avete fatto niente”, si candida a diventare la canzone manifesto di questo periodo storico dell’Europa, del mondo in generale, vittima degli attacchi di un nemico mimetizzato, spesso invisibile.

L’universalità del messaggio della canzone di Ermal e Fabrizio sarà reso ancora più incisivo dal fatto che, durante l’esibizione, il testo della canzone scorrerà in sovrimpressione in 15 lingue diverse.

E dopo l’Eurovision i due appronteranno le tappe di un importantissimo tour europeo che li porterà anche in Grecia, come ha assicurato lo stesso Ermal in conferenza stampa, incalzato dalla domanda di un giornalista ellenico.

L’Italia all’Eurovision

Il nostro Paese ha vinto due volte la kermesse musicale più vista in Europa: nel 1964 con Gigliola Cinquetti e la sua “Non ho l’età” e nel 1990 con “L’Italiano” di Toto Cotugno.

Dopo molti anni di assenza, l’Italia è tornata in gara nel 2011 con Raphael Gualazzi: la sua Follia d’Amore si è piazzata al secondo posto. L’anno successivo Nina Zilli con L’amore è Femmina, si è fermata al nono posto.

L’essenziale di Marco Mengoni è approdata in Europa con un onorevole settimo posto nel 2013, mentre l’anno dopo Emma non è riuscita a far breccia nel pubblico eurovisivo, dovendosi accontentare della ventunesima piazza.

Nel 2015 i ragazzi de Il Volo hanno agguantato il podio con un terzo posto che ha unito tutti in un solo Grande Amore, mentre nel 2016 Francesca Michielin si è fermata al sedicesimo posto.

L’anno scorso Francesco Gabbani e la sua scimmia, pur partendo tra i favoriti, non sono riusciti ad andare oltre il sesto posto. Faranno meglio Ermal e Fabrizio, magari riuscendo a riportare la kermesse nel Bel Paese?.

 

Leggi anche