Imbiancare la casa: chiamare un professionista o tentare il fai da te?



imbiancare

Quando si entra in un nuovo appartamento o dopo alcuni anni di vita di una casa, c’è sempre necessità di alcuni lavori di manutenzione, come imbiancare casa

Uno di questi è sicuramente l’imbiancatura delle pareti. Le pareti all’interno dell’appartamento di norma sono da ridipingere ogni 4-5 anni circa, mentre la vernice esterna può durare anche decenni se viene ben stesa e se è di qualità.

In tutti i casi, prima o poi c’è bisogno di un’imbiancatura in casa, per averla pulita, bella, curata dal punto di vista igienico e luminosa. Dopo alcuni anni infatti si creano dei punti d’ombra e il colore ingrigisce.

In queste occasioni c’è chi chiama subito per chiedere un preventivo per un imbianchino e chi invece si attrezza per un fai da te improvvisato.

Com’è il lavoro dell’imbianchino

Molte persone pensano che imbiancare la casa sia un’operazione facile, elementare e poco pesante. D’altra parte lo si vede fare sempre con gioia anche nei film e nei cartoni animati: si intinge il pennello oppure il rullo nel colore e si accarezza la parete.

In realtà le cose non stanno esattamente così. Imbiancare un appartamento non si esaurisce nel passare il pennello sul muro e non è comunque per nulla semplice come appare.

Proprio per questo, prima di imbarcarvi in un’operazione difficoltosa (e lo è), acquistare strumenti e vernici, chiedete un preventivo per un imbianchino. Scoprirete che la spesa non è poi alta e così l’operazione non vi costerà alcuno stress.

Un imbianchino sa esattamente qual è il tipo di pittura migliore da utilizzare nella vostra casa, in base all’ambiente, al tipo di muro e al colore desiderato. Un professionista può preparare la parete al meglio anche in caso vi siano segni di infiltrazioni, zone rovinate o screpolate, fori o altre problematiche. Per un risultato perfetto è una fase essenziale, altrimenti una nuova imbiancatura non può che mettere in evidenza gli inestetismi.

La stesura da parte di un professionista viene eseguita in modo perfetto alla prima e alla seconda mano, non occorrono manutenzioni ulteriori, che d’altra parte si potrebbero notare.

A differenza di un dilettante, un professionista sa cogliere i particolari e immaginare il risultato finale anche quando la vernice è ancora fresca. Questo è un punto cruciale e fondamentale che fa la differenza nel risultato finale. Un professionista è metodico, ha esperienza e potrà svolgere un lavoro impeccabile in poco tempo e senza fare danni.

Per chi ha deciso per il fai da te

Il primo passo per imbiancare casa con il fai da te, è quello di andare a scegliere il tipo di vernice. Le tipologie, i marchi, i volumi sono diversi: muoversi in un negozio di bricolage non è semplice e quando un prodotto viene suggerito dal commerciante c’è sempre il dubbio che questi faccia i suoi interessi, trascurando quelli del vostro portafogli, senza contare che non ha potuto esaminare la parete. In base al tipo di vernice cambia l’effetto finale e la longevità del lavoro.

La vernice, per un risultato omogeneo e perfetto per anni, deve essere stesa in modo efficace, i ritocchi non sono ammessi perché si vedranno. Prima di dipingere come anticipato, è necessario preparare la parete, non è un lavoro che è scontato che un principiante sappia fare.

Oltre al lavoro di preparazione, all’acquisto del materiale bisogna tenere in considerazione la fatica, ingente, nonché la possibilità di una cattiva riuscita. Imbiancare le pareti di casa non è semplice: forse la cosa migliore è fare un preventivo per un imbianchino e rivalutare la cosa.

Leggi anche