Home Uncategorized "L'età del dubbio" del Montalbano di Camilleri

“L’età del dubbio” del Montalbano di Camilleri

Il dubbio è così, un pedi leva e l’autro metti, e te lo trovi a firriare come un satanasso nel ciriveddro

Montalba’, ormai hai cinquantotto anni.

- Advertisement -

E se il dottor Pasquano è in evidente malafede quando ti scassa i cabasisi ricordandoti la tua età necessariamente da ‘ntordonuto; e se ancora il dottor Lattes (“quello con la esse in funno“), dall’alto della sua voce da parrino, non si fa pirsuaso che un uomo, squasi sissantino, non abbia famiglia (e certo che gliel’hai raccontata bene la farfantarìa del figlio malato, eh? A tal punto che pure Livia, se le fossi stato a portata di mano, ti avrebbe preso a pagnittuni), i dubbi restano, Montalbano.

Finanche sulla tua prisenza di pirsona pirsonalmente in questa facenna, ce ne sono, di dubbi.

- Advertisement -

Che dici? No, non ho gana di babbiare.

Questo libro inizia o non inizia con te che vorresti andare a Boccadasse e Fazio e Catarella che ti dicono che nonsì, che non è cosa possibile perche sei morto aieri a matino alle sette e un quarto pricise?

Va bene, è un sogno, siamo d’accordo.

- Advertisement -

Ma l’indagine che ti vede alle prese con lo yacht Vanna che si chiama allo stesso ‘ntifico nome della piccotteddra con l’ariata da cani vagnato che poi si rivela tutt’altro da quella che appare?

Non è un dubbio che solo troppo tardi riesci a sciogliere, Salvu’?

E che cos’è, se non un altro dubbio che se ne aggiunge ai precedenti, quel nome, Emile Lannec che pur dovrebbe ricordarti qualcosa ma che, come la faccia fracassata ne impedisce il riconoscimento, così la tua vicchizza ormai conclamata non te lo fa collegare al protagonista de “I Pitard” dell’amato Simenon?

E tra l’ennesimo sbarco di clandestini che mannavano quell’aduri che feriva, quello dei “dolori del mondo offeso” del Vittorini e la presenza di un’altra Livia, questa sì, da dare addirittura in pasto (matre santa!), alla libidine mai doma di Mimì Augello, un miracolo: l’amore.

No, Montalbano, vatti a fare un altro giro sullo scoglio chiatto, addrumisciti l’ennesima sicaretta, e non ci pensare: stavolta macari a mia il confine tra il dubbio e la cirtizza appare cosa da mastro d’opira fina.

Ma poi, Salvo Montalbano, te la puoi permettere ancora la gioventù per un sentimento così funnuto? E la to’ Livia?

Dubbi, e ancora dubbi.

Eccola, la cirtizza che t’apparalizza:un colpo di revorbaro sparato dal cruiser dell’ “Asso di cuori.”

Si è principiato con la morte, si finisce con la morte.

No, Montalba’, la to’, no. Anzi, fattelo dire: sarà stato la vista di Laura in difficoltà, ma hai mostrato coraggio e energia a tinchitè, altro che vecchiaia.

Tanto di cappello, commissa.’

Eppure, adesso che tutto è finito, ora che la morte che ha sciolto ogni dubbio sulla tua capacità di amare come un picciotteddro, ti senti di umore nivuro assa’.

Talè, Montalbano, lassa perdiri.

In amuri, la ragione o si dimette o va in aspettativa, e quest’è quanto.

- Advertisement -

Covid-19

Italia
45,079
Totale di casi attivi
Updated on 21 September 2020 - 17:24 17:24