26 Novembre 2021 - 13:10

Nasci, cresci e posta: un seminario contro il cyberbullismo

Nasci, cresci e posta è il titolo di un seminario contro il cyberbullismo che si svolgerà sabato 27 novembre nel Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi a Genova

Si intitola “Nasci, cresci e posta – Riconoscere e comprendere i vissuti legati all’utilizzo del digitale” e si tratta di un seminario contro il cyberbullismo. Si svolgerà domani, sabato 27 novembre dalle 9.30 alle 12.30, nel Salone di rappresentanza di Palazzo Tursi a Genova.

Come riportato dai colleghi di ANSA, è il secondo appuntamento tra quelli previsti nel percorso formativo “Educazione digitale e prevenzione del cyberbullismo, rischi e opportunità”. Si tratta di un percorso pensato per rinforzare le competenze digitali di genitori, insegnanti, educatori, medici, pediatri e che ha lo scopo di evidenziare le opportunità offerte dal web ma anche i pericoli a cui si può andare incontro. Un particolare riferimento è rivolto al contrasto del cyberbullismo.

Il percorso è realizzato da Agenzia per la Famiglia del Comune di Genova, Direzione Politiche Sociali, in collaborazione con l’Università della Strada, nell’ambito del progetto “INFOrmiamoci e APPlichiamoci essere presenti nel tempo 2.0” ed è finanziato dal Dipartimento Politiche per la Famiglia della Presidenza del consiglio dei ministri.

“Con questo seminario mettiamo un altro tassello – dice l’assessore alle Politiche a sostegno della famiglia, Lorenza Rosso – in un percorso che è fondamentale nella nostra epoca in cui ognuno, nessuno escluso, può cadere vittima delle insidie della rete. In particolar modo penso ai ragazzi e alle ragazze, spesso vittime di adulti o ragazzi poco più grandi ma già senza scrupoli. E penso agli stessi genitori che a volte possono essere privi degli strumenti giusti per contrastare questi pericoli. Percorsi come questo servono non solo a riconoscere i pericoli, ma anche a conoscere e saper vivere a pieno le molteplici opportunità della rete”. L’ingresso è gratuito.

FONTE: ANSA.IT

SEGUICI SU FACEBOOK. CLICCA QUI.

POTREBBE INTERESSARTI: Bullismo, la storia di Aka7even: “I miei amici mi evitavano come se potessi infettarli”