difesa, militari
Immagine da Google Maps

Il Ministero della Difesa, in collaborazione con il Ministero della Salute, allestirà 200 Drive-Through-Difesa che saranno operativi su tutto il territorio nazionale a partire da questo fine settimana. Effettueranno 30.000 tamponi al giorno per il Covid-19.

Il Ministero della Difesa annuncia l’inizio dell’Operazione Igea: circa 1400 unità, provenienti da tutte le Forze Armate e suddivise in 200 team specializzati, effettueranno fino a 30.000 tamponi al giorno mediante i “Drive-Through-Difesa” dislocati su tutto il territorio nazionale. Stando alle informazioni rilasciate dal Ministero della Difesa, ciascun team sarà composto da 1 medico, 2 infermieri, 2 autisti e 2 Carabinieri o del corpo della Polizia di Stato. Ciascun team si attiverà con un preavviso di 24-48 ore dal momento in cui il Ministero della Salute indicherà le località.

Potrebbe interessarti:

Inoltre, nell’ottica di incrementare anche la capacità di analisi dei tamponi in un momento così delicato, entro la fine del mese 12 laboratori di analisi della Difesa verranno messi a disposizione e garantiranno 19.000 tamponi settimanali. Entro il prossimo fine settimana saranno operativi altri due laboratori, uno presso l’Ospedale Militare di Taranto e uno presso l’infermeria della Marina Militare di Augusta, ed entro la fine del mese entreranno in funzione quelli di La Spezia, Cagliari, Ancona, Messina, Napoli e Milano.

Il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, ha dichiarato:La Difesa è in campo dall’inizio di questa emergenza e ha messo a disposizione da subito tutte le sue capacità e mezzi. Anche in questa fase, gli uomini e le donne di tutte le Forze Armate continueranno ad operare al servizio dei cittadini con impegno e determinazione.

Oggi sono stati poco meno di 178.000 i tamponi effettuati, ancora troppo pochi considerata la situazione attuale e per garantire un adeguato tracciamento dei contagi, e con notevoli differenze in termini numerici a livello territoriale. Pertanto l’Operazione Igea arriva in un momento quanto mai opportuno per potenziare il sistema nazionale di tracciamento e diagnosi del  Covid-19.

Letture Consigliate