Recovery Fund, Conte: “La commissione può fare di più”



conte fase 2

Il 27 maggio è la giornata clou per l’approvazione del piano di aiuti agli Stati. A Bruxelles si stanno limando i dettagli della proposta. Conte vuole di più

E’ ormai diventata una partita decisiva in Europa quella sul Recovery Fund. Il piano da 500 miliardi di aiuti agli Stati, sarà presentato mercoledì 27 maggio a Bruxelles da Ursula von der Leyen. Conte in vista di quest’appuntamento chiede ancora di più all’Ue:“Un passo importante ma la Commissione può fare di più”. 

Le preoccupazioni arrivano dal fatto che la partita sia ancora tutta da giocare all’Europarlamento contro la schiera di paesi contari alla distribuzione di capitali a fondo perduto. Austria, Olanda, Svezia e Danimarca, sono i paesi sono contrari a distribuire i 500 miliardi a fondo perduto e devono ancora presentare la loro controproposta.

La strategia dei commissari Paolo Gentiloni e Thierry Breton è quella di spingere affinché la Commissione vari un documento che vada oltre i 500 miliardi. Questo perchè sono consapevoli che, una volta approdata in Consiglio, la proposta, non potrà che essere negoziata al ribasso.

Ma come ha spiegato Conte, l’accordo su questi aiuti va oltre il solo aspetto economico, ma ne vale dell‘integrità europea. Un mancato accordo potrebbe risvegliare pesantemente i nazionalismi disgregando l’Europa. Cosa che è stata ampiamente discussa anche da il vice-presidente della Commissione europea, Frans Timmermans: “Se cade un paese, perdiamo prima il green deal, secondo la solidarietà europea, terzo il mercato unico, forse anche la moneta e forse anche l’Unione europea stessa. In questi giorni in queste settimane in questi mesi stiamo giocando il futuro europeo“.

Leggi anche