Roma beffata dal Cska, ora si gioca tutto col City



La Roma di Garcia a Mosca contro il Cska subisce il gol dell’1-1 al 93′: si giocherà la qualificazione nell’ultima gara con il City

Beffa nel finale per i giallorossi che, dopo esser andati in vantaggio con un gol su punizione di Totti, si fanno rimontare nei minuti di recupero dal Cska Mosca: rete del pareggio firmata da Berezutski .

Nel gelo di Mosca, la Roma fallisce l’obiettivo tre punti e vede complicarsi il cammino in Champions League. Primo tempo bloccato per entrambe le squadre, che si studiano per gran parte della prima frazione di gioco, con due sole occasioni da gol, una per Dzagoev e una per Florenzi. Poi al 43′ è il capitano Francesco Totti  a sbloccare il risultato, con una punizione dal limite dell’area che fulmina Akinfeev. Il primo tempo si conclude con la Roma avanti sull’ 1-0.

Roma CskaNella ripresa la Roma spinge per chiudere la partita creandosi altre due chance per il raddoppio, la più limpida quella di Nainggolan che, dopo una bella incursione, a tu per tu con il portiere russo fallisce clamorosamente. Subito dopo è Ljajic a sprecare un ulteriore occasione su assist del neo entrato Iturbe al 34′ minuto. Nonostante le occasioni create, la Roma non riesce a raddoppiare e chiudere definitivamente il match: il gol beffa del Cska Mosca arriva ne i minuti di recupero: i russi  agguantano il pari al 93′, con un’azione rocambolesca di Berezutski, il cui cross non trova alcuna deviazione ma insacca De Sanctis, ingannato dalla traiettoria del pallone.

La gara termina quindi con un risultato che lascia l’amaro in bocca agli undici guidati da Rudi Garcia, che ora dovranno giocarsi la qualificazione nel big match dell’Olimpico con il Manchester City, trionfante in casa con il Bayern Monaco per 3-2, grazie alla tripletta di un super Aguero. Nel girone E Roma, City e Cska sono appaiate a 5 punti; la qualificazione agli ottavi di finale potrebbe essere decisa dagli scontri diretti e/o dalla classifica avulsa.

 

Immagine in evidenza fonte: ANSA/LUCIANO ROSSI/AS ROMA

 

 

Leggi anche