governo Piattaforma Rousseau Sindacati Fase 2 Autocertificazioni Stato D'Emergenza PD M5S Covid Regioni Natale Draghi Ministri
immagine da Pixabay

Il Governo scarta l’ipotesi di terminare lo stato d’emergenza il 31 Dicembre. Rischiano di saltare, così, il blocco dei licenziamenti e gli appalti

L’Italia, tra poco più di una settimana, potrebbe uscire dallo stato d’emergenza per il Coronavirus. Il 1 Agosto, infatti, potrebbe essere la data designata per tornare alla normalità. La proroga, anche solo fino al 31 Dicembre, che una settimana fa sembrava scontata non lo è più. Il ministro Speranza sta lavorando a delle misure per salvare i poteri straordinari ancora indispensabili. L’ipotesi della proroga fino al 31 Dicembre è stata a lungo osteggiata anche dalle opposizioni, oltre che da una parte della maggioranza.

Queste ultime, infatti, chiedono in ogni caso di passare dal Parlamento per decidere effettivamente le sorti. La decisione definitiva sarà presa nei prossimi giorni appena il premier Giuseppe Conte tornerà da Bruxelles. L’opzione più papabile sul tavolo è quella, però, dell’uscita, anche perché lo stato di emergenza non sarebbe più giustificati dai dati sanitari molto diversi rispetto a 3-4 mesi fa. Il virus però continua a resistere. Infatti, solo durante la giornata di ieri si sono registrati 233 nuovi casi e 11 vittime. Il traguardo contagi zero è ormai irraggiungibile, il Coronavirus avanza per focolai.

Il Covid avanza anche in dimensioni rilevanti e talvolta associati a casi che hanno contratto l’infezione in Stati esteri. C’è, però, un numero di casi ridotto che richiedono ospedalizzazione.” dichiara un rapporto settimanale ministero Salute-ISS. Questi focolai avrebbero fatto schizzare l’R-t (l’indice che rappresenta le velocità dei contagi) che per la prima volta torna a superare 1 (1,01 per l’esattezza) a livello nazionale (in pratica 1 positivo ne contagia un altro).