Tempo di tisane, ecco alcune delle loro molteplici proprietà



tisane

Con l’autunno e i primi freddi è piacevole coccolarsi con una calda e benefica tisana. Sono facili da preparare, ne esistono per tutti i gusti e possono soddisfare ogni necessità. Dunque tempo di tisane

 

Il procedimento per preparare una tisana è semplice e sempre uguale: basta portare ad ebollizione l’acqua, aggiungendo l’ingrediente naturale che più ci piace e far bollire per qualche minuto. Infine lasciare in infusione per 5 minuti col coperchio, filtrare e bere ma dapprima cominciare a respirare i benefici vapori che fuoriescono dalla tazza.

Un esempio è la tisana zenzero e limone, conosciuta da molti. Zenzero come antitumorale, contro la nausea, per il benessere dello stomaco, come antifiammatorio e analgesico. Lo zenzero ha tra le tante proprietà anche quella dimagrante e disintossicante, è ricco di vitamine del gruppo B, è depurativo e drenante ed è un ottimo termogenico cioè “fa bruciare calorie più in fretta”, motivo per cui è consigliato anche durante una dieta, è ricco di sali minerali e di fibre.

zenzero

Per preparare la tisana zenzero e limone, mettere in un pentolino mezzo litro d’acqua e 5-6 fettine di zenzero. Portare ad ebollizione e far bollire per qualche minuto. Lasciare in infusione per 5 minuti e filtrare. Aggiungere succo di limone o lasciare all’interno in infusione delle fettine di limone per aggiungere gli ulteriori benefici della vitamina C.

A conferire benefici all’apparato digerente è, invece, la tisana alla menta. Essa apporta benefici sia per quanto riguarda la riduzione dell’aria nello stomaco, che facilitare la digestione dei cibi assunti; inoltre, può contrastare anche la sensazione di nausea associata al mal d’auto. Bere una tisana alla menta può essere utile anche in caso di tosse o sindrome da raffreddamento grazie alla sua azione antisettica e antivirale. Aggiungendo alcune foglie di eucalipto diventa anche un’ottima soluzione balsamica.

menta

Preparare una tisana alla menta è molto semplice, basta avere a disposizione 10-15 grammi di foglie essiccate o fresche. Si porrà sul fuoco un pentolino con circa mezzo litro d’acqua portandolo a ebollizione. Far bollire per qualche minuto l’acqua con le foglioline di menta, dopodiché tenere in infusione per circa 5 minuti e filtrare.

La tisana al finocchio ha come principale proprietà quella di favorire la digestione, è una tisana depurativa ed ha un effetto sgonfiante. Può essere preparata anche con l’aggiunta di altre erbe, come, la camomilla, in modo da aggiungere degli effetti calmanti ed emollienti.

Molti sono i benefici della tisana al finocchio. Essa riesce ad essere drenante, eliminando i liquidi in eccesso accumulati nel corpo e allo stesso tempo liberandolo dalle tossine. Inoltre, aiuta nel rompere i calcoli renali. Può essere importante anche per ridurre i disturbi respiratori, in quanto il finocchio ha un effetto fluidificante sulle secrezioni catarrali.

finocchio

Per preparare la tisana al finocchio, mettere in un pentolino 500 mL di acqua e portare a ebollizione. Aggiungere 1 cucchiaio di semi di finocchio e far bollire per qualche minuto con il coperchio. Lasciar intiepidire e filtrare.

Dott.ssa Raffaella Sica – Biologa Nutrizionista

Leggi anche



Articolo precedenteLa Bella e la Bestia, Emma Watson nel nuovo trailer in italiano
Prossimo articoloArresti a tappeto nell’operazione Sansone
Avatar
Svolge attività di Biologa Nutrizionista. Consegue l’abilitazione all’esercizio della professione nel 2011 e si iscrivo all'ONB (Ordine Nazionale dei Biologi). Laureata in Biologia (curriculum Nutrizione) nel 2011 presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Si perfeziona in “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” nel 2011. Nel 2015 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Biologia Avanzata presso la stessa università. L'attività di ricerca svolta dal 2009 è oggetto di diverse pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali e di diverse comunicazioni a congressi nazionali ed internazionali. Fornisce supporto didattico teorico-pratico durante il Corso di Organo adiposo e Regolazione del peso corporeo e durante il Corso di perfezionamento annuale in: “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” (Dipartimento delle Scienze Biologiche, Sezione Fisiologia e Igiene dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II"), con seminari introduttivi ed esercitazioni pratiche relative alla valutazione dello stato nutrizionale e della massa grassa mediante l'utilizzo dell'antropometria (standardizzazione di peso, altezza, circonferenze), plicometria, impedenziometria. Arricchisce continuamente la sua formazione con corsi e seminari specifici sulla Nutrizione fisiologica e patologica nelle sue varie forme.