USA, in Alabama approvata legge che vieta l’aborto

alabama
immagine da pixabay

USA, il Senato dell’Alabama ha approvato un progetto di legge che vieta l’aborto anche nei casi di stupro e incesto. Rischi anche per i medici che violano la legge

Con 25 voti favorevoli e 6 contrari, il Senato dello Stato dell’Alabama ha approvato un progetto di legge che vieta l’aborto. Il progetto di legge non ha ancora avuto il via libera definitivo ma in caso di approvazione definitiva l’Alabama diventerebbe lo Stato più repressivo degli Stati Uniti d’America in materia di interruzione di gravidanza.

La legge vieta l’aborto anche nei casi di stupro e incesto mentre consentirebbe l’interruzione della gravidanza solo nei casi in cui ci fosse un serio pericolo per la salute. I medici scoperti a violare la legge rischiano pene molto severe, fino anche a 99 anni di carcere.

Immediate le critiche da parte dell’Unione americana per le libertà civili (ACLU) che ha annunciato un ricorso per impedire l’applicazione del provvedimento. Bobby Singleton, senatore di provenienza Democratica del Senato dell’Alabama, ha attaccato così il progetto di legge: “State dicendo a mia figlia: tu non conti nulla nello Stato dell’Alabama e se un uomo ti stupra e ti mette incinta tu dovrai tenere quel figlio

Questa legge è stata proposta dai Repubblicani con il preciso scopo di ribaltare la famosa sentenza “Roe contro Wade” con la quale la Corte Suprema nel 1973 rese legale l’aborto negli USA. I legislatori dello Stato dell’Alabama sono solo gli ultimi di una serie di amministrazioni statali a proporre leggi contro l’aborto in tutti gli Stati Uniti.