Whirlpool Napoli
Immagine tratta da Pixabay

I lavoratori della Whirlpool hanno bloccato il raccordo autostradale all’altezza dello stabilimento situato a Napoli in via Argine. Circa 200 operai stanno effettuando 8 ore di sciopero

Nuova protesta per gli operai della Whirlpool che oggi hanno bloccato il raccordo autostradale all’altezza dello stabilimento situato in via Argine. La multinazionale chiuderà i battenti sabato 31 ottobre e, nella giornata di oggi, circa 200 lavoratori stanno effettuando otto ore di sciopero. Ciò che chiedono a gran voce è l’intervento del governo per scongiurare la chiusura dello stabilimento.

Potrebbe interessarti:

I lavoratori chiedono la convocazione di un immediato incontro al governo e al presidente del Consiglio per sbloccare una questione che va avanti ormai da 18 mesi. Non si può più aspettare”, ha dichiarato il segretario generale della Uilm Campania, Antonio Accurso.

Proprio il 31 ottobre, presso lo stabilimento di Napoli Est, si terrà una seconda assemblea, a partire dalle ore 10.00, che sarà aperta alla città e a chiunque voglia partecipare. “La Whirlpool conferma la sua scellerata intenzione nonostante la lotta dei lavoratori di tutto il gruppo.

Il prossimo 5 novembre, a Napoli, ci sarà uno sciopero generale di quattro ore che interesserà tutti i settori produttivi nell’area metropolitana. La manifestazione prenderà vita in Piazza Dante per la vertenza Whirlpool e a difesa dell’intero sistema produttivo e occupazionale.

Letture Consigliate