10 regole per una sana alimentazione: tu quante ne segui?

salute alimentazione

Un corretto stile di vita è indispensabile per poter godere di una buona salute. Ecco un vademecum con le 10 linee guida da seguire per una sana alimentazione

Abbiamo parlato più volte dell’importanza di seguire una sana alimentazione e un corretto stile di vita, delle categorie alimentari, delle proprietà che hanno e di alcune regole essenziali da tener presente. Ma volendo riassumere tutto in una sorta di vademecum?

È possibile ripercorrendo quelle che sono le 10 linee guida per una sana alimentazione suggerite dall’INRAN (Istituto Nazionale Ricerca Alimenti e Nutrizione)

1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo

Ciò vuol dire che ognuno di noi può mantenersi in equilibrio senza far pendere il cosiddetto “ago della bilancia” né al di sotto né al di sopra del range di normalità. In che modo? Senz’altro mantenendosi attivi e seguendo le regole di seguito riportate.

2. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta

Apportano carboidrati, soprattutto amido e fibra, ma anche vitamine, minerali ed altre sostanze di grande interesse per la salute. La fibra alimentare in particolare facilita il raggiungimento del senso di sazietà; frutta e verdura, sono piene di sostanze antiossidanti che contrastano l’azione dei radicali liberi.

3. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità

Anche i grassi sono importanti, infatti sono i costituenti delle membrane biologiche, apportano acidi grassi essenziali e favoriscono l’assorbimento delle vitamine liposolubili A, D, E, K e dei carotenoidi.

4. Zuccheri, dolci, bevande zuccherate: nei giusti limiti

Bisognerebbe consumare con moderazione alimenti e bevande dolci nella giornata, per non superare la quantità di zuccheri consentita.

5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza

Gran parte del nostro corpo è formato da acqua, le nostre cellule sono formate per la maggior parte di acqua e non c’è un processo fisiologico che avviene nel nostro corpo in assenza di acqua. Per questo è fondamentale bere ogni giorno almeno 2 litri d’acqua.

6. Il sale? Meglio poco

Non sarebbe necessaria l’aggiunta di sale ai cibi, in quanto già il sodio contenuto in natura negli alimenti è sufficiente a coprire le necessità dell’organismo.

7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata

L’alcol dev’essere consumato con moderazione e bisogna prediligere bevande a bassa gradazione alcolica e che possano avere, nelle giuste dosi, anche un effetto protettivo sull’organismo, come il vino.

8. Varia spesso le tue scelte a tavola

Scegliere quantità adeguate di alimenti e appartenenti a tutti i diversi gruppi, alternandoli nei vari pasti della giornata.

9. Consigli speciali per persone speciali

Esistono alcune categorie di persone che vanno considerate più “a rischio” di carenze nutritive, semplicemente per particolari situazioni legate alla loro età o a peculiari condizioni fisiologiche. Parliamo della gravidanza, dell’allattamento, di bambini e ragazzi, delle donne in menopausa, degli anziani, fasi della vita in cui, ancor di più bisogna far attenzione a coprire i propri fabbisogni.

10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te

Fare attenzione alle conserve casalinghe; non lasciare raffreddare un alimento già cotto fuori dal frigorifero troppo a lungo; quando si utilizzano avanzi, riscaldarli fino a che non siano molto caldi; non scongelare gli alimenti di origine animale a temperatura ambiente.

Dott.ssa Raffaella Sica – Biologa Nutrizionista

Articolo precedenteMonza, arriva per la prima volta Unite With Tomorrowland
Prossimo articoloMoncler Genius apre la Milano fashion week. Ospite Naomi Campbell
Avatar
Svolge attività di Biologa Nutrizionista. Consegue l’abilitazione all’esercizio della professione nel 2011 e si iscrivo all'ONB (Ordine Nazionale dei Biologi). Laureata in Biologia (curriculum Nutrizione) nel 2011 presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Si perfeziona in “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” nel 2011. Nel 2015 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Biologia Avanzata presso la stessa università. L'attività di ricerca svolta dal 2009 è oggetto di diverse pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali e di diverse comunicazioni a congressi nazionali ed internazionali. Fornisce supporto didattico teorico-pratico durante il Corso di Organo adiposo e Regolazione del peso corporeo e durante il Corso di perfezionamento annuale in: “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” (Dipartimento delle Scienze Biologiche, Sezione Fisiologia e Igiene dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II"), con seminari introduttivi ed esercitazioni pratiche relative alla valutazione dello stato nutrizionale e della massa grassa mediante l'utilizzo dell'antropometria (standardizzazione di peso, altezza, circonferenze), plicometria, impedenziometria. Arricchisce continuamente la sua formazione con corsi e seminari specifici sulla Nutrizione fisiologica e patologica nelle sue varie forme.