8 Marzo, l’assessore Terzi non condivide il manifesto della Lega

8 Marzo

In TV, l’assessore della Lega Claudia Terzi ha discusso il volantino pubblicato per l’8 Marzo. E ha spiegato di non condividerne alcuni punti

Nella Lega non va tutto liscio. La polemica generata dal volantino distribuito a Crotone in occasione dell’8 Marzo, dove si legge che “offende la dignità delle donne chi ne rivendica l’autodeterminazione suscitando un atteggiamento rancoroso nei confronti dell’uomo”, ha trovato disapprovazione anche all’interno dello stesso partito.

In TV, infatti, vi è stato un accanito scontro tra l’esponente di Liberi e Uguali Nicola Fratoianni e l’assessore della Lega Claudia Terzi sul ruolo della donna. Quest’ultima ha spiegato di non condividerne alcuni punti.

Io non conosco la realtà di Crotone, le parlo da donna bergamasca, dove le donne non hanno obiettivamente bisogno di essere tutelate. Lo stesso manifesto mi pare molto circostanziato in parecchi punti, magari c’è qualche episodio particolare che io non conosco. Le dico che alcuni punti non li condivido nemmeno io.” ha dichiarato Claudia Terzi.

Dunque, l’8 Marzo diventa, nelle mani della Lega, una festa anti-femminista.