Accadde Oggi: 96 anni fa nasceva Charles M. Schulz, il padre di Peanuts, Snoopi e Friends



peanuts Schulz

Accadde Oggi: era il 26 novembre 1922 quando nasceva Charles M. Schulz, creatore e disegnatore della avventure di Peanuts

Accadde oggi: 96 anni fa nasceva Charles M. Schulz che ha lasciato in eredità una delle storie più conosciute d’America, le avventure di Peanuts.

Se poesia vuol dire capacità di portare tenerezza, pietà, cattiveria a momenti di estrema trasparenza, come se vi passasse attraverso una luce e non si sapesse più di che pasta sian fatte le cose, allora Schulz è un poeta” così Umberto Eco scriveva dello scrittore scomparso nel febbraio 2000.

Nato a Minneapolis nel Minnesota, cresce a Saint Paul; era figlio unico di Carl Schulz, originario della Germania, e Dena Halverson, proveniente dalla Norvegia.

Fin da bambino aveva mostrato un profondo amore per il disegno, tanto che era solito rappresentare il suo cane con particolari singolari. A scuola più di una volta provò a far pubblicare i suoi disegni ma senza successo.

Durante la seconda guerra mondiale fu arruolato nell’esercito americano e al suo ritorno iniziò la sua carriera d’insegnante.

Nel 1947 fu pubblicata la sua prima striscia a cadenza regolare. Con gli anni i personaggi dei Peanuts iniziarono a comparire su altri giornali, fino alla pubblicazione ufficiale il 2 ottobre 1950 delle avventure di Charlie Brown, Shermy, Patty e Snoopy. 

Con l’andare degli anni i simpatici personaggi di Schulz divennero sempre più popolari: dal 1950 fino al giorno dopo la sua morte il fumetto a strisce è stato pubblicato tutti i giorni. 

Nella sua vita privata si sposò due volte ed ebbe, dal primo matrimonio, ben 5 figli.

Nel 1999 fu vittima di un ictus, a seguito del quale gli fu diagnosticato un cancro. Morì, dopo svariati cicli di chemioterapia, per un arresto cardiaco il 12 febbraio 2000. 

Le sue volontà

Il giorno dopo la sua morte fu pubblicata la sua ultima vignetta, alla fine della quale Schulz salutava i suoi “figli” e il suo fedele pubblico:

“Cari amici,
ho avuto la fortuna di disegnare Charlie Brown e i suoi amici per quasi cinquant’anni. È stata la realizzazione del sogno che avevo fin da bambino. Purtroppo, però, ora non sono più in grado di mantenere il ritmo di lavoro richiesto da una striscia quotidiana. La mia famiglia non desidera che i Peanuts siano disegnati da qualcun altro, quindi annuncio il mio ritiro dall’attività. Sono grato per la lealtà dei miei collaboratori e per la meravigliosa amicizia e l’affetto espressi dai lettori della mia “striscia” in tutti questi anni. Charlie Brown, Snoopy, Linus, Lucy… non potrò mai dimenticarli…

Charles Schulz”

Il 20 giugno dello stesso anno gli fu conferita una medaglia d’oro del congresso seguita da tale didascalia: “Il nostro paese deve molto a Charles Schulz. La sua arte comica ha cambiato la cultura americana e illuminato la vita di milioni di americani. Questa cerimonia di oggi offre un modo tangibile, per il nostro paese, di esprimere un grazie a un vero e grande americano“.

Dal testamento del noto autore emerse chiaramente il desiderio che i suoi personaggi non venissero pubblicati in altre strisce. Tale volontà da allora è stata rispettata, ma continuano a essere pubblicate le sue vecchie strisce, così da conservare vivo il suo ricordo che per 50 anni ha rappresentato l’America in tutto il mondo essendo stato pubblicato su 1600 quotidiani e in 75 paesi. 

In suo onore nel 2002 è stato aperto anche un museo, oggi aperto a tutti.

Leggi anche