Allegri
Foto: Juventus Official Website

L’ex tecnico della Juventus Massimiliano Allegri al “The Times”: “Ronaldo il migliore che ho allenato, mi piacerebbe venire in Inghilterra”

Massimiliano Allegri è fermo da un anno e mezzo, da quando ha concluso la sua esperienza alla Juventus. In attesa di trovare un nuovo club, il livornese ha concesso un’intervista al “The Times”, parlando della sua carriera di allenatore e del suo possibile futuro.

Potrebbe interessarti:

“Mi piacerebbe vivere un’esperienza in Premier League. In Italia sono stato al Milan per quattro anni e alla Juventus per cinque. Ora mi aspetto di lavorare ancora in Italia, ma è difficile, o in Inghilterra. Secondo me il calcio inglese sta migliorando perché ci sono molti allenatori stranieri. L’Inghilterra ora è più sofisticata e più tattica, ma continua a rispettare la tradizione del suo calcio. C’è un buon equilibrio tra lo spirito del calcio inglese ed il nuovo approccio tattico portato dai nuovi allenatori.

Sui giocatori allenati in carriera da Allegri: “Ho avuto molti giocatori forti, con una mentalità forte. Difensori come Chiellini e Nesta, centrocampisti come Gattuso e Seedorf, attaccanti come Ibrahimovic e Ronaldo. Per mentalità Cristiano Ronaldo è il migliore, ha una testa diversa da tutti gli altri. Ha vinto cinque Palloni d’Oro, cinque Champions League, un Campionato Europeo con il Portogallo, ed è molto difficile, facendo sempre la differenza. Ogni anno ha un obiettivo nuovo”.

L’allenatore deve essere uno psicologo. L’80% è psicologia, il 20% è tattica. Dobbiamo guardare nella testa dei giocatori, perché sono giovani, sono ‘bambini’. Dobbiamo parlare con loro ogni giorno, sapere tutto, conoscere i loro problemi. I problemi di un diciottenne sono diversi da quelli di un veterano. Chi va in panchina deve avere fiducia nel suo allenatore. La prima qualità per un tecnico è la psicologia”, conclude Allegri.

Letture Consigliate