aste

Aste, una stagione ricca di appuntamenti per Minerva Auctions, la casa d’aste romana con quattro eventi a calendario fra maggio e giugno si occuperanno di fotografia,  gioielli, orologi e argenti, dipinti antichi e arte del XIX secolo, e dulcis in fundo  libri, autografi e stampe

[ads1] Grandi aspettative per il “carnet primaverile” di aste al quale i responsabili dei Dipartimenti di Minerva Auctions lavorano con la passione e la professionalità che li contraddistingue.

Si apre con la fotografia la stagione primaverile delle aste che Minerva Auctions è lieta di ospitare nella sede romana di Palazzo Odescalchi; un’ouverture in grande stile per il primo appuntamento con la fotografia previsto per martedì 10 maggio.

L’asta 124 prevede un’esposizione di grande respiro alla quale hanno lavorato con la professionalità che li contraddistingue Marica Rossetti, responsabile fotografia di Minerva Auctions, e Denis Curti, direttore artistico della Galleria STILL e consulente del dipartimento.

Proprio con la fotografia, la casa d’aste ha ottenuto un ottimo successo il 2 dicembre scorso grazie alle istantanee da collezione dei più grandi maestri della fotografia italiana. Nomi del calibro di Luigi Ghirri, Tazio Secchiaroli, Mario Giacomelli, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna e presenze di fama mondiale come Nan Goldin, David Goldblatt e Nobuyoshi Araki.

Gli scatti consentono di fermare un’immagine nel tempo, ritrovandola intatta anche con il passare degli anni. L’asta ha saputo farsi apprezzare per le splendide rievocazioni cinematografiche dedicate alla dolce vita, caratterizzate dagli scatti di Tazio Secchiaroli, che ha saputo immortalare con maestria Sofia Loren, Richard Avendo, Federico Fellini e Marcello Mastroianni sul set di 8 1/2. Ancora cinema nei ritratti proposti dall’obiettivo di Gianfranco Salis dedicati a soggetti quali Ornella Muti e Tinto Brass.

Minerva Auctions, la giovane e dinamica casa d’aste, ha realizzato per la nuova stagione un carnet di appuntamenti apprezzabili, grazie all’equipe di esperti di cui dispone che della passione per l’arte, la letteratura e l’oreficeria ha saputo fare un mestiere.

La squadra di professionisti, cresciuta nel mondo delle aste e del mercato, ha fatto tesoro della serietà e della trasparenza ed è in grado di seguire personalmente il cliente in ogni fase dell’affidamento.

A maggio si prosegue con due nuovi appuntamenti: il primo è rappresentato dall’asta 125 riservata a gioielli, orologi e argenti e prevista giovedì 12 maggio, e l’asta 126 dedicata a dipinti antichi e arte del XIX secolo, messa a calendario giovedì 26 maggio.

L’interesse per i gioielli antichi di fine ‘800 è stato al centro di un importante evento dedicato dalla casa d’aste proprio a gioielli, orologi e argenti. L’asta del 21 maggio scorso ha realizzato un fatturato  pari a 1.038.787,5 euro, con vendite dei  lotti presenti assestatesi al 68%. Indimenticabile top lot l’anello in platino del gioielliere Massoni, battuto per 40mila euro a fronte di una stima di 10-15mila, come ha ricordato Andrea de Miglio responsabile del Dipartimento per la Minerva Auctions, mosso dalla grande passione per i gioielli d’artista, che lo ha portato a grandi risultati nella vendita di lotti firmati da Giorgio de Chirico, Giuseppe Capogrossi, Afro e Giuseppe Uncini.

Grazie all’esperienza di Valentina Ciancio, responsabile del Dipartimento di dipinti e disegni antichi della Minerva Auctions, la casa d’aste ha messo a segno eventi di pregio. Lo scorso maggio Laura Tansini ha preferito la Minerva Auctions per  la vendita di dipinti e disegni antichi appartenenti alla propria collezione, che dispone di opere d’ambiente romano appartenenti al Seicento e al Settecento. Per l’appuntamento del 26 maggio la casa d’aste saprà dare il meglio anche in questo ambito.

Giovedì 30 giugno la stagione della Minerva Auctions si presenterà con l’asta 127, dedicata a libri, autografi e stampe.

Il Dipartimento, retto dall’esperienza quasi ventennale di Fabio Massimo Bertolo e Silvia Ferrini, prevede per l’appuntamento la presenza di opere decisamente interessanti.

Fra i successi del reparto, impossibile dimenticare la messa all’asta della lettera scritta alla suocera, un mese prima della morte, da uno dei più grandi scrittori statunitensi, Edgar Allan Poe, battuta per 136.800 euro.

Per maggiori informazioni:

Minerva Auctions

Palazzo Odescalchi, Piazza SS. Apostoli 80, 00187

[ads2]