Banca centrale europea
immagine da pixabay

La Banca Centrale Europea annuncia nuovi acquisti di titoli di Stato fino al 2022, per ulteriori 500 miliardi; tassi ancora azzerati sui prestiti alle aziende

La Presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde ha presentato, tramite una nota, nuove misure economiche del cosiddetto piano pandemico, con cui l’autorità di Francoforte intende sostenere i Paesi membri provati dalla crisi innescata dal Coronavirus.

Potrebbe interessarti:

La decisione più poderosa, riguarda un nuovo, ingente acquisto di titoli di Stato fino almeno a Marzo 2022 (e comunque fino a quando tutti i Paesi membri non si saranno lasciati alle spalle la crisi) per una somma pari a 500 miliardi.

Come già era stato precedentemente deciso, resteranno azzerati i tassi relativi ai prestiti di liquidità alle aziende, e sarà così almeno finchè l’inflazione non andrà sotto la soglia del 2%, tutta considerata anche la dinamica sottostante dei prezzi.

Per quanto riguarda la previsioni sul Pil, la Banca Centrale Europea ha messo in conto due scenari: il primo vede una perdita di prodotto interno lordo pari al 7,6% quest’anno, con un  rialzo che va dallo 0,4 del 2021 ad un +2,9% del 2023.

Il secondo scenario, quello più favorevole, auspica un Prodotto Interno Lordo in rialzo del 6% l’anno prossimo, del 4,3% nel 2022 e del 2,1% del 2023, con l’inflazione tuttavia ancora ad una percentuale sfavorevole per la politica monetaria.

Letture Consigliate