san salvatore telesino
fonte immagine: Il fatto quotidiano

Morta per asfissia da annegamento. Dall’esame autoptico risulta che la bimba sia stata violentata. Il fatto è accaduto a San Salvatore Telesino

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Una bambina di 10 anni è stata trovata morta in una piscina a San Salvatore Telesino, in provincia di Benevento. Secondo una prima ricostruzione condotta dai medici legali, la piccola sarebbe stata violentata e poi gettata in piscina ancora viva.

L’autopsia, svolta nell’ospedale Rummo di Benevento dal direttore dell’Istituto di medicina legale di Napoli, Claudio Buccelli, incaricato dalla Procura, ha confermato l’ipotesi che la bimba sia morta per asfissia da annegamento. Ancora da chiarire il momento in cui sarebbe avvenuta la violenza sessuale. Sul corpo della vittima sarebbe stato anche effettuato un esame tossicologico per verificare se la bimba sia stata costretta a ingerire sostanze stupefacenti.

Per l’omicidio è indagato un ventunenne rumeno che ascoltato dagli inquirenti avrebbe affermato: “Non avrei mai potuto farle da male, era come se fosse una sorella”. Il dato più inquietante è che l’indagato è considerato parte della famiglia.

Le circostanze

Fino a un paio di giorni fa gli investigatori brancolavano nel buio. Non si era ancora in grado di stabilire se si fosse trattato di un incidente o di un omicidio. La prima ipotesi sembrava plausibile dal momento che a bordo della piscina erano stati trovati, domenica 19 giugno, gli abiti e le scarpe della piccola. Circostanza che aveva fatto pensare ad un tuffo e, dato che la bimba non sapeva nuotare, all’annegamento.

L’esame autoptico e la perizia dei medici legali hanno fugato ogni dubbio.

[ads2]

 

 

Letture Consigliate
Articolo precedenteYouTube down, forse per la prima volta
Prossimo articoloIl Dottore si cura con l’amore
Germana Giardullo
Giornalista pubblicista, collaboro dal 2015 con le testate zon.it e zerottonove.it in qualità di responsabile di redazione. Ho conseguito la laurea magistrale in filosofia politica discutendo una tesi dal titolo "identità ebraica, male totalitario e giudizio nel pensiero politico di Hannah Arendt", con votazione 110 e lode. Sono attratta dal mondo della comunicazione, dai suoi diversi linguaggi e dalle nuove tecnologie d'informazione. Interessata alla politica, l'attualità e al cinema in generale. Nello specifico il cinema d'autore degli anni cinquanta, sessanta e settanta.