iPhone 4

Brutte notizie per i possessori dell’iPhone 4. La Apple non prevede nuovi aggiornamenti per i supporti di questo modello, quindi chi lo possiede ancora potrebbe vedere scomparire molte delle applicazioni più recenti, compresa WhatsApp

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Brutte notizie per i possessori dell’iPhone 4. La Apple non prevede nuovi aggiornamenti per i supporti di questo modello, quindi chi lo possiede ancora potrebbe vedere scomparire molte delle applicazioni più recenti, compresa WhatsApp.

iPhone 4
iPhone 4 telefono obsoleto

In effetti l’iPhone 4 con i suoi 6 anni di vita, può essere considerato una versione obsoleta dello smartphone della mela, ma gode ancora di un considerevole bacino di estimatori. Molti di questi, però, entro la fine dell’anno, dovranno scegliere se tenerlo o passare ad una versione più recente. Infatti la Apple ha fatto sapere che, partire dall’inizio del prossimo anno, introdurrà in maniera ufficiale all’interno di XCode (il tool che serve a sviluppare le app per iPhone) il nuovo iOS 10, rimuovendo definitivamente il supporto al vecchio iOS 7, contenuto nell’iPhone 4.

Niente di grave? No, purtroppo no.  A causa di questo nuovo aggiornamento, di cui l’iPhone 4 sarà privo, gli utenti non avranno più WhatsApp dal momento che iPhone 4 si fermerà alla versione 7.1.2 e qualunque software smetterà di essere aggiornato. Magari non scomparirà subito, ma sarà soltanto questione di tempo prima che tutte le app chiedano l’aggiornamento obbligatorio, necessario per il loro utilizzo. Pensare che con la rapidità con cui vengono immessi sul mercato i nuovi smartphone, un telefono acquistato meno di un anno prima può venire valutato anche un decimo del suo valore, a causa dell’uscita di altri sei o sette modelli dopo quello in proprio possesso.

Non deve meravigliare, quindi, se l‘iPhone 4, uscito sei anni fa e surclassato da altri 5 modelli, con il sesto in arrivo, debba essere considerato uno smartphone obsoleto. Un consiglio spassionato è quello di conservare, comunque, gli iPhone. Saranno loro i nuovi oggetti del desiderio dei collezionisti di modernariato del 22° secolo.

[ads2]

Letture Consigliate