USA, cittadino sparato e ucciso: è di nuovo protesta

usa video

USA: cittadino americano sparato e ucciso senza apparente motivo

A distanza di pochi giorni dalla tragedia di Alton Sterling in Louisiana, un altro membro della comunità, Philando Castile, è stato sparato da un agente senza apparente motivo.

L’uomo, 32 anni, che lavorava come supervisor in una caffetteria nella scuola di St. Paul e che non aveva precedenti penali, si trovava in macchina con la fidanzata, Lavish Reynolds, e sua figlia di 4 anni.

Il tutto ha avuto luogo a Falcon Heights, in Minnesota, fuori Minneapolis.

article-minnesota-12-0706Le dinamiche non sono ancora chiare: apparentemente l’agente ha chiesto a Philando di mostrargli un documento di identità durante un normale controllo. Mentre l’uomo aveva le mani in tasca per cercare il portafoglio ha anche ammesso di essere in possesso di un’arma, regolarmente registrata. L’agente, sentendosi probabilmente minacciato, gli ha urlato di mettersi le mani alla testa e ha iniziato a sparare, senza apparente giustificazione.

La fidanzata ha ripreso tutto con il suo cellulare e le immagini mostrano un corpo abbandonato sul sedile, quasi sul punto di morte. Philando è arrivato in condizioni gravissime in ospedale ed è morto poco dopo.

Il capo della polizia di St. Anthony, Jon Mangseth, afferma che ancora poco è stato chiarito ma che l’agente, riconosciuto, è stato momentaneamente congedato.

Non si sa ancora se sia l’unico convolto, sicuramente le indagini saranno molto attente.

L’evento riapre una ferita razziale negli USA e tutta la comunità è pronta a qualsiasi cosa pur di avere giustizia.